|

Obesità osteosarcopenica

Una sindrome da prevenire

21/02/2017 PATOLOGIA

La sindrome da obesità osteosarcopenica (OSO) è una condizione che comprende osteopenia / osteoporosi, sarcopenia e obesità. E’ particolarmente deleteria negli adulti più anziani (anche se non sono obesi secondo le...

Il respiro delle cellule

Quando le cellule adipose respirano male

21/02/2017 Ricerca Clinica e di Base

Il tessuto adiposo in caso di obesità contribuisce all’infiammazione cronica di basso grado che predispone al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiovascolari. Recenti studi in vitro suggeriscono che sia l'ipossia a indurre...

I batteri intestinali possono giocare un ruolo nella malattia di Alzheimer

La composizione della flora intestinale è di grande interesse per la ricerca sulla malattia di Alzheimer.

21/02/2017 Ricerca Clinica e di Base

Un nuovo studio condotto dall’Università di Lund in Svezia ha dimostrato che i batteri intestinali possono accelerare lo sviluppo della malattia di Alzheimer. I risultati aprono la strada a nuove opportunità per la prevenzione e...

La dieta che va al sodo

Il protocollo dieta combinata per un rapido dimagrimento

21/02/2017 PATOLOGIA

La dieta chetogenica, proprio perchè a basso tenore di carboidrati (fase 1 della dieta combinata) permette un attacco forzato al tessuto adiposo. Spostando il metabolismo all'uso dei grassi senza introdurne con l’alimentazione, la...

Uomini grassi a rischio infertilità

Una metanalisi

14/02/2017 PATOLOGIA

Lo sviluppo di infertilità maschile è aumentato rapidamente in tutto il mondo, in concomitanza con l'epidemia di obesità. La correlazione tra BMI e parametri spermatici quali la conta totale degli spermatozoi, la...

Programmare i pasti è sano

Fate la spesa settimanalmente

14/02/2017 NUTRIZIONE

La pianificazione del pasto potrebbe essere un potenziale strumento per compensare la mancanza di tempo. Incoraggiare la preparazione dei pasti a casa si associa con un miglioramento della qualità della dieta. Tuttavia, ad oggi, la...

L’aspartame può impedire e non promuovere la perdita di peso

Un team del Massachusetts General Hospital (MGH) ha trovato un possibile meccanismo che spiega il motivo per cui l’uso del sostituto dello zucchero, l’aspartame, potrebbe non promuovere la perdita di peso.

14/02/2017 Ricerca Clinica e di Base

Nell’articolo pubblicato online in Applied Physiology, Nutrition and Metabolism, i ricercatori dimostrano come la fenilalanina, prodotto di scarto dell’aspartame, interferisce con l’azione di un enzima che previene la sindrome...

Risparmiare la massa magra negli anziani

Quante proteine ci vogliono?

14/02/2017 Ricerca Clinica e di Base

Un insufficiente apporto nutrizionale e l’invecchiamento dei muscoli da risposta alterata agli stimoli anabolizzanti forniti dai nutrienti contribuiscono allo sviluppo della sarcopenia. Gli interventi nutrizionali mostrano risultati incoerenti...

Ipolipidemizzanti con monakolina: sicuri ma...

21/02/2017 14.18.59

Una giusta informazione per i pazienti