|

La carenza di serotonina implicata nell’artrite reumatoide

Per la prima volta, la serotonina (5-idrossitriptamina, 5 HT) è stata direttamente implicata nella fisiopatologia dell’ artrite reumatoide (RA). Sebbene sia prevalentemente nota come neurotrasmettitore nel sistema nervoso centrale, una nuova prova indica ulteriori importanti funzioni della serotonina.

05/12/2017 Ricerca Clinica e di Base

Uno studio, pubblicato in The American Journal of Pathology, dimostra che l’artrite reumatoide, sperimentalmente indotta nei topi serotonina-deficienti, è peggiore della malattia riportata dai topi di controlli e che alcuni effetti di...

Cambiare il metabolismo per combattere il cancro?

Prevenire e curare il cancro: l’aiuto dell’alimentazione

05/12/2017 Ricerca Clinica e di Base

La riprogrammazione metabolica, nota anche come "effetto Warburg", è considerata una caratteristica distintiva del cancro, anche se la sua rilevanza sembra essere ancora più generale, poiché tutti i segni distintivi...

Artrite reumatoide a dieta

Alimenti ricchi di antiossidanti ne ritardano la progressione

05/12/2017 NUTRIZIONE

L'artrite reumatoide (RA) è una malattia autoimmune infiammatoria cronica, debilitante e sistemica che colpisce circa l'1% della popolazione mondiale. La malattia ha gravi ripercussioni sulla qualità della vita con aumento...

Il potere delle proteine

Alimenti arricchiti in proteine migliorano l’insulino-resistenza

05/12/2017 NUTRIZIONE

Mediante restrizione calorica o mediante aumento della massa magra si possono ottenere riduzioni significative della resistenza all'insulina (IR). Tuttavia, la restrizione calorica di solito si traduce in una significativa perdita di massa...

Mandorle e cioccolato fondente riducono il rischio di infarto

Un sofisticato e controllatissimo studio sulla nutrizione ha dimostrato, in un gruppo di persone obese o in sovrappeso, che è possibile indulgere in cibi voluttuari senza farsi del male.

04/12/2017 NUTRIZIONE

Il segreto è scegliere quelli giusti, come appunto mandorle e cioccolato fondente che possono portare, se consumati nelle quantità giuste, a ridurre il colesterolo LDL del 7%. La dieta insomma non ha bisogno di essere punitiva, ma di...

Alzheimer: trovata un’associazione tra glucosio nel cervello e placche amiloidi

Importante scoperta grazie allo studio sostenuto dall’Istituto Nazionale per l’invecchiamento (NIA), parte degli Istituti Nazionali per la Salute e pubblicato il 6 novembre 2017 in Alzheimer’s & Dementia il Journal of the Alzheimer’s Association.

28/11/2017 Ricerca Clinica e di Base

I ricercatori hanno esaminato i campioni del tessuto cerebrale derivati dall’autopsia dei partecipanti allo studio longitudinale di Baltimora sull’invecchiamento (BLSA), uno degli studi scientifici più lunghi del mondo...

Un altro buon motivo per combattere l’obesità

Salvare i reni, per esempio

28/11/2017 PATOLOGIA

L'obesità è associata ad albuminuria e a malattia renale. Sebbene le stime di incidenza di danno renale nella popolazione generale siano scarse, questo si verifica nel 3,2% -9,6% dei ricoveri ospedalieri e nel 2,1% -22,1% dei...

Dipendenza, carboidrati ad alto indice glicemico e obesità

Dominare la dipendenza da carboidrati

28/11/2017 NUTRIZIONE

Il trattamento dell'obesità è un mestiere difficile, purtroppo il successo rimane basso e uno dei nemici è di sicuro la dipendenza da cibo, delineata come un fattore eziologico di base con rilevanza terapeutica. In...

Combattere la “fame da lupo”

04/12/2017 14.42.06

Basta misurare la glicemia!