|

Ricerca Clinica e di Base

La BIA multifrequenza per il grasso viscerale

Uno studio comparativo basato sul genere

20/07/2021

La risonanza magnetica permette la misurazione del grasso viscerale, ma ha dei limiti di praticità e costi importanti. Uno studio recente ha quantificato il tessuto adiposo viscerale addominale (IVA) e il tessuto adiposo sottocutaneo (SAT)...

Acidi grassi per dimagrire

Una recensione degli ultimi 10 anni di ricerca

13/07/2021

Gli acidi grassi alimentari (DFA) svolgono un ruolo chiave in diversi processi metabolici nell'uomo e in altri mammiferi. I DFA sono stati considerati benefici per la salute, in particolare gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) e monoinsaturi...

Avete scaricato l’APP Dietosystem?

Una revisione sistematica e meta-analisi dice che funziona!

06/07/2021

Gli interventi forniti dal web sono diventati un'opzione innovativa per trattare i problemi di salute, come l'obesità. Il numero di persone con sovrappeso e obesità è triplicato in tutto il mondo dal 1975....

Quando non si può evitare di mangiare

Voglia di cibo incontrollabile e obesità

29/06/2021

Il comportamento alimentare eccessivo è presumibilmente un importante fattore che contribuisce all'aumento di peso e all'obesità. D'altronde, il disturbo da alimentazione incontrollata (BED) con episodi ricorrenti di...

Integrazione proteica e microbiota

Uno studio sui topolini

22/06/2021

Le proteine del siero di latte (WPI) sono un’ottima soluzione dietetica per l'obesità. Tuttavia, l'esatto meccanismo di azione del WPI è ancora poco compreso, ma è probabilmente collegato al suo effetto...

Diabete gravidico risponde a omega3 e vit.D

Uno studio randomizzato controllato

22/06/2021

Durante la gravidanza, a seguito della variazione ormonale e di peso, si può verificare il diabete. Questo succede nel 18% delle future mamme. Ci sono soluzioni? Sì. Un gruppo di ricercatori ha indagato gli effetti della vitamina D...

La bia e il sodio

Uno studio con l’impedenziometria in multifrequenza

15/06/2021

L’impedenza bioelettrica è una metodologia molto pratica per la valutazione della composizione corporea, in particolare se in multifrequenza permette di distinguere il contenuto di acqua intra ed extracellulare. Un gruppo di...

La vit. D non se ne va col peso... anzi!

Uno studio italiano

15/06/2021

La vitamina D riveste un ruolo fondamentale nel metabolismo del calcio e del fosforo, influenzando anche il tessuto osseo. Diversi studi hanno rilevato livelli ematici di vitamina D significativamente più bassi nelle persone con...

La dieta e l’ippocampo

Perdere peso resetta il sistema

15/06/2021

L'obesità è una condizione multidimensionale trattabile, ma alcuni esiti correlati all'obesità possono persistere dopo la normalizzazione del peso.  Tra gli organi del corpo umano, il cervello possiede una...

Microbiota risponde alla dieta

Una revisione

08/06/2021

Diversi studi hanno descritto una forte correlazione tra dieta, perdita di peso e composizione del microbiota intestinale.  Una revisione ha valutato i potenziali effetti delle diete ipocaloriche, vale a dire le diete a bassissimo contenuto...

Adiposità e infiammazione

Quali markers infiammatori sono influenzati dal grasso corporeo?

08/06/2021

L'obesità aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche e polmonari e si ritiene che l'infiammazione cronica sia alla base dello sviluppo delle malattie associate. Il tessuto adiposo è un organo endocrino...

Chetogenica nei disturbi psichiatrici

Un’opzione valida

01/06/2021

Nella dieta chetogenica (KD), limitando i carboidrati, si attiva la lipolisi, creando chetoni da utilizzare come fonte di energia primaria del corpo invece del glucosio. Il KD originale è composto da circa l'80% di grassi, provenienti da...

Tornare a respirare

L’eccesso di peso riduce la funzionalità respiratoria

01/06/2021

L'eccesso di adiposità, anche in assenza di malattie, è responsabile di un declino della funzione polmonare, che è considerata un predittore di mortalità e un fattore di rischio per malattie. Tuttavia, gli studi...

Mangiare di notte fa ingrassare?

Il peso della sindrome da alimentazione notturna in individui con e senza obesità

25/05/2021

La sindrome da alimentazione notturna (NES) fu descritta per la prima volta da Stunkard nel 1955 come un disturbo caratterizzato da anoressia al mattino, iperfagia alla sera e insonnia nei pazienti con obesità resistente al trattamento. La...

Sazi a dieta

Non è una chimera, ma bisogna sapere che...

25/05/2021

Un trattamento potenziale dell’obesità è la stimolazione del nervo vago (VNS), che attiva le afferenze sensoriali che innervano lo stomaco. Queste innervazioni trasmettono il volume dello stomaco e stabiliscono la...

» Sfoglia Archivio