|

martedì 1 dicembre 2020

Chetogenesi anti COVID

La chetogenesi limita l'esacerbazione di COVID indotta dall'invecchiamento in un modello murino

Ricerca Clinica e di Base
Immagine piattoL'aumento dell'età è il più forte predittore del rischio di gravità del COVID-19.
La tempesta di citochine insieme a una risposta immunometabolica ridotta porta alla più alta mortalità negli anziani infettati da SARS-CoV-2.

Per indagare su come l'invecchiamento compromette la difesa contro COVID-19, un folto gruppo di ricercatori ha sviluppato un modello di infezione murina naturale da beta coronavirus (mCoV) con ceppo MHV-A59 (mCoV-A59) del virus dell'epatite murina che raggruppa la maggior parte delle caratteristiche cliniche di COVID-19.
I topi anziani con infezione da mCoV-A59 hanno aumentato la mortalità e una maggiore infiammazione sistemica nel cuore, nel tessuto adiposo e nell'ipotalamo, inclusa la neutrofilia e la perdita di cellule T γ nei polmoni.
Ebbene, sottoposti a dieta chetogenica, i topi hanno aumentato il beta-idrossibutirrato (come atteso), le cellule T γδ protettive dei tessuti, l'inflammasoma è risultato disattivato e sono diminuiti i monociti patogeni nei polmoni dei topi anziani infetti.
Questi dati sottolineano da un lato il valore del modello mCoV-A59 per testare il meccanismo del Covid e dall’altro stabiliscono il controllo del checkpoint immunometabolico da parte della chetosi come potenziale trattamento contro COVID-19 negli anziani.
 
I corpi chetonici sono metaboliti endogeni che mantengono l'energia cellulare, ma presentano anche attività di segnalazione simili a farmaci che influenzano l'attività immunitaria, il metabolismo e l'epigenetica.
Esistono molteplici meccanismi cellulari e sistemici in base ai quali i corpi chetonici potrebbero avere un impatto sulle infezioni virali gravi, come l'influenza o la SARS-CoV-2.
I corpi chetonici esogeni rappresentano uno strumento facilmente utilizzabile e potrebbe avere un impatto su più meccanismi direttamente collegati agli esiti della malattia, rendendo questi composti una priorità per una rapida indagine.

Sia a scopo preventivo (perdita di peso, controllo della insulino-reistenza, aumento dell’immunità) e sia in fase di trattamento dell’infezione, per accelerare la guarigione.  
 

Author:Seungjin Ryu, Irina Shchukina, Yun-Hee Youm et Al.

Source:bioRxiv. 2020 Sep 12;2020.09.11.294363. doi: 10.1101/2020.09.11.294363.