|

marted́ 2 febbraio 2021

I limiti dell’indice di massa corporea

Discussione sulla definizione clinica di obesità

NUTRIZIONE
Immagine bilancia

La diagnosi tradizionale e la comprensione della fisiopatologia dell'obesità si basano su un eccessivo accumulo di grasso dovuto a un bilancio energetico cronicamente positivo caratterizzato dall'indice di massa corporea (BMI).

L'analisi quantitativa e qualitativa dei compartimenti del tessuto magro e adiposo mediante l'analisi della composizione corporea rivela che la caratterizzazione dell'obesità come "eccesso di grasso" non facilita una comprensione completa del rischio per la salute associato all'obesità stessa.

Invece di essere correlate alla massa grassa, le caratteristiche della composizione corporea alla base della prognosi associata al BMI possono dipendere:

1.           dalla crescita accelerata associata ad aumento della massa magra o della massa priva di grasso (FFM) nei bambini con aumento del BMI precoce o negli adolescenti con pubertà precoce;

2.           da una massa muscolare bassa nell'invecchiamento, malattia cronica associata o malattia grave; 

3.           dalla ridotta espandibilità del tessuto adiposo rispetto al rischio cardiometabolico.

È quindi il momento di mettere in discussione il paradigma adipocentrico dell'obesità e di evitare l'uso del BMI e della percentuale di grasso corporeo.

Al contrario, l'obesità dovrebbe essere diagnosticata basandosi sulla massa muscolare / magra al di sotto dei limiti insieme a una capacità limitata di accumulo di grasso.
 

Author:Anja Bosy-Westphal, Manfred J Müller

Source:Obes Rev. 2021 Jan 21;e13190. doi: 10.1111/obr.13190.