|

marted́ 2 settembre 2014

Donne e bevande gassate

Nelle donne in postmenopausa, nel lungo termine, un consumo frequente di bevande gassate (anidride carbonica), appare legato a un aumento del rischio di fratture dell’anca.

NUTRIZIONE
bevande

Questo è quanto risulta dall’analisi dei dati relativi a un’ampia coorte nell’ambito del Nurses' Health Study sulle donne in postmenopausa (n = 73.572). La dieta è stata valutata al basale, utilizzando un FFQ semiquantitativo, aggiornato ogni 4 anni. La prima evidenza è stata che in un periodo di follow-up ≤30 anni, sono state identificate 1.873 fratture dell'anca. E si è visto, in sostanza, che ogni porzione in più di soda (anidride carbonica) al giorno era associata a un significativo aumento del rischio di frattura dell'anca (+14%). Il rischio attribuibile, in questa coorte, confermano gli autori, per il consumo totale di soda, è stato del 12,5%. Il rischio è stato confermato, sia per le consumatrici di soda da sola e di soda con la dieta e non differiva significativamente tra le bibite cola e non-cola, con o senza caffeina. Inoltre, l'associazione tra le fratture dell'anca e i consumi di soda, non differiva in base all'indice di massa corporea o alla diagnosi di diabete.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25099544
Am J Clin Nutr. 2014 Sep;100(3):953-8. doi: 10.3945/ajcn.114.083352. Epub 2014 Aug 6.
Soda consumption and risk of hip fractures in postmenopausal women in the Nurses' Health Study.