|

martedì 3 aprile 2018

Sugar free, si grazie

Abbasso l’indice glicemico

NUTRIZIONE
imm2Un gruppo di ricercatori spagnoli ha condotto uno studio randomizzato in parallelo con tre diete di intervento:

1. una dieta a basso indice glicemico LGI
2. una dieta ad alto indice glicemico HGI
3. una dieta a basso contenuto di grassi LF in 122 soggetti adulti in sovrappeso e obesi arruolati nello studio per 6 mesi.

Dei partecipanti è stato analizzato il profilo metabolomico plasmatico prima della dieta e dopo 6 mesi. Sono state eseguite sia analisi univariate che multivariate.
I livelli di serina erano significativamente più alti nei pazienti che seguivano la dieta LGI rispetto alle diete HGI e LF, mentre la leucina  e la valina  erano inferiori nella dieta LGI rispetto alla dieta LF. L’insieme di due sfingomieline, due lisofosfatidilcolina e sei fosfatidilcolina sono state significativamente modulate dopo la dieta LGI rispetto alle diete HGI e LF.
I ricercatori hanno inoltre trovato correlazioni significative tra i cambiamenti negli amminoacidi plasmatici e le specie lipidiche con le variazioni nel peso corporeo, glucosio, insulina e alcuni marcatori infiammatori.
Questi  risultati suggeriscono che una dieta LGI modula determinati amminoacidi circolanti e i livelli lipidici. Questi risultati possono spiegare i benefici per la salute attribuiti alle diete LGI in malattie metaboliche come il diabete di tipo 2.
 

Autori: Hernández-Alonso P, Giardina S, Cañueto D, Salas-Salvadó J, Cañellas N, Bulló M
Fonte: Mol Nutr Food Res. 2018 Mar 30:e1700975. doi: 10.1002/mnfr.201700975
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29603657
 
Dietosystem®, divisione nutrizionale di DS Medica, La informa che è in linea il nuovo aggiornamento della piattaforma web DIETA COMBINATA® con due importanti novità:
1. Il protocollo passa da 3 a 5 fasi
Il nostro progetto di dieta chetogenica si evolve alla luce della valutazione clinica effettuata su 500 pazienti trattati con la dieta chetogenica. 
Il protocollo passa da 3 a 5 fasi, aggiungendo due fasi di transizione finalizzate al progressivo consolidamento del calo ponderale e al miglior mantenimento della massa magra. Il protocollo DIETA COMBINATA®, dopo la fase d'attacco prevede una più controllata reintroduzione dei carboidrati, questo consentirà, per leggeri problemi di sovrappeso, di procedere come di consueto nel trattamento in tre fasi mentre, per sovrappeso importante e obesità, di gestire in un più ampio lasso di tempo il raggiungimento dell'obiettivo ponderale.

2. La nuova linea di alimenti PROTEOFOOD
Da oggi il sistema dietetico si arricchisce di una nuova linea di prodotti VLC (Very Low Carb), come sempre di esclusiva prescrizione del Nutrizionista. La linea di alimenti PROTEOFOOD unitamente alla linea di integratori alimentari e alla personalizzazione dietetica, garantisce, sin dalle fasi più restrittive del protocollo DIETA COMBINATA®, un riequilibrio metabolico nutrizionale con una maggiore compliance del paziente. 
Grazie alla formulazione nutrizionale ad elevato contenuto proteico e bassissimo apporto glucidico, la linea PROTEOFOOD offre una gamma di alimenti dolci e salati, da integrare nel protocollo DIETA COMBINATA®, garantendo il corretto equilibrio nutrizionale nell'ambito della dieta chetogenica.
L'utilizzo degli alimenti PROTEOFOOD è discrezionale per il Nutrizionista ma soddisfa una necessità del paziente che richiede il consumo di alimenti dolci e salati ai pasti principali o nella prima colazione.Gli alimenti della linea PROTEOFOOD garantiscono nelle diverse fasi del dimagrimento una completa riabilitazione del metabolismo al corretto utilizzo dei carboidrati.

Per saperne di più su Proteofood
Per saperne di più su Integro

Affidati a chi ha 40 anni di esperienza nel trattamento dei pazienti obesi.
Se nutrizionista, puoi acquistare direttamente on line dallo store. Clicca qui.