|

martedì 3 giugno 2014

Bevande dietetiche, utili nella perdita di peso rapida

Il consumo di bevande dietetiche non influisce sull’esito dei trattamenti di riduzione del peso corporeo, questa la conclusione di un recente studio USA.

NUTRIZIONE
bevande dietetiche

Assumere bevande dietetiche zuccherate artificialmente non influisce negativamente sui risultati dei programmi di riduzione del peso corporeo, anzi sembrerebbe essere più vantaggioso rispetto alla semplice assunzione di acqua.

È questa la conclusione di un recente studio americano condotto dai ricercatori del Anschutz Health and Wellness Center presso la University of Colorado e presentato sulla rivista Obesity.

L’osservazione metterebbe quindi in discussione i dubbi espressi dalla comunità medica riguardo l’impiego di questi prodotti durante le terapie anti-obesità, ma non costituirebbe tuttavia un’evidenza sufficiente per promuoverne il consumo regolare da parte di tutti i pazienti.

L’osservazione è giunta al termine di uno studio della durata di 12 settimane che ha visto la partecipazione di circa 500m individui di età media 48 anni e caratterizzati da un valore dell’indice di massa corporea (BMI) medio pari a 34. I partecipanti venivano quindi destinati al consumo di 700 ml giornalieri di bevande zuccherate artificialmente oppure di acqua.

Al termine delle 12 settimane i soggetti destinati al consumo di bevande dietetiche presentavano una riduzione media di 5.9 kg mentre il gruppo che aveva consumato acqua 4.1 kg. Parallelamente a questo risultato, i ricercatori hanno potuto constatare attraverso interviste regolari condotte durante lo studio che i il consumo di bevande dietetiche si associava anche ad un minore senso di appetito, una situazione potenzialmente responsabile della maggiore perdita di peso.

Lo studio, in conclusione, suggerirebbe dunque l’assenza di effetti collaterali associati al consumo di bevande dietetiche durante le terapie di perdita del peso corporeo e, possibilmente un beneficio marginale legato all’influenza sul senso di sazietà.

Tuttavia, queste conclusioni non supporterebbero definitivamente la somministrazione di questi prodotti ai soggetti in terapia. Un ultimo punto di incertezza riguarderebbe la natura a breve termine dei risultati ottenuti nello studio.

Infatti, tali traguardi sembrano essere raggiunti piuttosto facilmente con numerosi trattamenti, tuttavia, ben diverso sarebbe il raggiungimento di una riduzione stabile del peso. Per questa ragione, studi più approfonditi sarebbero necessari per chiarire il ruolo di questi prodotti nel mantenimento della condizione ponderale raggiunta.

Source:Peters JC, Wyatt HR, Foster GD et al. The effects of water and non-nutritive sweetened beverages on weight loss during a 12-week weight loss treatment program. Obesity (Silver Spring). 2014