|

martedý 4 luglio 2017

Composizione corporea nella chetogenica

Come varia con la dieta?

NUTRIZIONE
imm1Le preoccupazioni comuni quando si utilizzano diete a basso contenuto calorico come trattamento per l'obesità sono la riduzione della massa priva di grassi, soprattutto la massa muscolare, che si verifica insieme alla perdita di massa grassa (FM).

Uno studio ha valutato i cambiamenti indotti dalla dieta ipocalorica chetogenica (VLCK) sulla composizione corporea dei pazienti obesi utilizzando 3 diverse metodologie per valutare tali cambiamenti.

Venti pazienti obesi hanno seguito una dieta VLCK per 4 mesi. La valutazione della composizione corporea è stata effettuata mediante la DEXA, l'impedenza bioelettrica multifrequenza (MF-BIA) e le tecniche di pletisismografia a spostamento dell'aria (ADP). E’stata valutata anche la resistenza muscolare. Le misurazioni sono state eseguite a 4 tempi in corrispondenza delle fasi chetotiche (basale, chetosi massima, chetosi in declino e senza chetosi).

Dopo 4 mesi la dieta VLCK ha causato una perdita di peso di -20,2 ± 4,5 kg, a spese della riduzione della massa grassa (FM) di -16,5 ± 5,1 kg (DEXA), -18,2 ± 5,8 kg (MF-BIA) e -17,7 ± 9,9 kg (ADP). Una diminuzione sostanziale è stata osservata anche nella FM viscerale. La lieve ma marcata riduzione della massa senza grassi si è verificata alla massima chetosi, principalmente a seguito di cambiamenti nell'acqua corporea totale e successivamente recuperata. Non sono stati osservati cambiamenti nella resistenza muscolare. Una forte correlazione è stata evidenziata tra i tre metodi di valutazione della composizione corporea.

La perdita di peso indotta dalla dieta VLCK è avvenuta principalmente a scapito della massa grassa e della massa viscerale; la massa muscolare e la forza sono state conservate. Delle tre tecniche di composizione corporea utilizzate, il metodo MF-BIA sembra più conveniente nell'ambiente clinico.


Autori: Gomez-Arbelaez D, Bellido D, Castro AI, Ordoñez-Mayan L, Carreira J, Galban C, Martinez-Olmos MA, Crujeiras AB, Sajoux I, Casanueva FF
Fonte: J Clin Endocrinol Metab. 2017 Feb 1;102(2):488-498. doi: 10.1210/jc.2016-2385
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27754807


Per un trattamento “d’urto” del sovrappeso, DS Medica propone Proteonorm, l’integratore a base di proteine del siero di latte di altissima qualità, equilibrate secondo le percentuali fisiologiche aminoacidiche e arricchite da Inosito­lo, Potassio, L-Citrullina, L-Ornitina, L-Carnitina, L-Cistina, Magnesio e Niacina.
Proteonorm è venduto in esclusiva ai nutrizionisti e ai loro pazienti su ricetta del nutrizionista.
E’ disponibile anche come Proteonorm Mousse, un dolce al cucchiaio proteico che spezza la fame e soddisfa il palato.
 
Proteonorm, nell’ambito del protocollo Dieta Combinata, aiuta a perdere peso e migliora la compliance dei pazienti. Risolve l’urgenza della perdita ponderale e permette di accompagnare il paziente ad abitudini equilibrate per il mantenimento dei risultati raggiunti.
 
Avete già utilizzato la piattaforma Dieta Combinata? Cliccando qui si può accedere gratuitamente alla piattaforma ed iniziare a compilare piani personalizzati.

Per intervenire con una dieta, è fondamentale conoscerla composizione corporea del paziente da trattare.
DS Medica offre ai nutrizionisti diverse soluzioni.
Le trovate qui!