|

martedý 5 marzo 2019

La bioimpedenza predice il rischio cardiovascolare

Massa grassa, ecco il colpevole!

PATOLOGIA
imm1Uno grosso studio olandese ha indagato in modo prospettico l'associazione tra percentuale di grasso corporeo con gli eventi cardiovascolari, rispetto all'indice di massa corporea (BMI) e alla circonferenza della vita.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di composizione corporea con la BIA (analisi impedenziometrica) in 6486 soggetti (uomini = 3194, donne = 3294) che hanno seguito per 8,3 anni. Durante il followup, si sono verificati 510 eventi cardiovascolari (7,9%) (363 negli uomini, 147 nelle donne).

Negli uomini, il rapporto di rischio grezzo era 3.97 per il grasso corporeo % con la BIA contro 1.34 per il BMI e 1.49  per la circonferenza vita.

Dopo aggiustamenti per età, punteggio di rischio cardiovascolare di Framingham e escrezione di creatinina - un marker di massa muscolare – FM% e BMI sono rimasti indipendentemente associati ad eventi cardiovascolari sia negli uomini che nelle donne, mentre la circonferenza della vita era indipendentemente associata a eventi cardiovascolari negli uomini, ma non nelle donne.

Secondo la capacità di discriminazione (C-index) e il valore predittivo additivo sulle misure dell'obesità al punteggio di rischio cardiovascolare di Framingham, FM era superiore al BMI e alla circonferenza della vita in uomini e donne.

Il valore predittivo di BIA dipende dall'equazione utilizzata.

La BIA era comunque il metodo migliore tra le misure di obesità per migliorare la valutazione del rischio cardiovascolare del punteggio di rischio CVD di Framingham negli uomini e l'unico metodo nelle donne.

Ovviamente ci sono chiare differenze di sesso nella previsione CVD utilizzando diverse misure di obesità. Ciò potrebbe essere spiegato dalla diversa distribuzione di grasso in uomini e donne, che hanno ruoli diversi nel rischio cardiovascolare: l'adiposità viscerale è un migliore predittore del rischio di CVD negli uomini, mentre il grasso totale è più strettamente associato al rischio di CVD nelle donne.
 

Autori: Byambasukh O, Eisenga MF, Gansevoort RT, Bakker SJ, Corpeleijn E.
Fonte: Eur J Prev Cardiol.  2019 Feb 21:2047487319833283. doi: 10.1177/2047487319833283.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30791699

Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, vi propone la Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione. 
La Suite coniuga l’analisi alimentarel’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.

La Suite nutrizionale è anche “on demand”: il completo protocollo diagnostico-terapeutico in modalità pay for use, acquistando esclusivamente le elaborazioni di cui si necessita.
Inoltre, per una dieta d’attacco, vi consigliamo il protocollo Dieta Combinata, che integra un piano alimentare fortemente ipoglucidico con le proteine del siero del latte per preservare la massa magra.

Contattaci per saperne di più!