|

martedì 5 maggio 2020

Chetogenica e sport di resistenza

Valutare rischi e benefici

NUTRIZIONE
Immagine sportUna dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi (K-LCHF) può raggiungere un aumento sostanziale (∼200%) dei tassi massimi di ossidazione dei grassi durante l'esercizio in atleti allenati per la resistenza, fino a ∼ 1,5 g min-1 a ∼70% del picco capacità aerobica.
Se negli atleti di alto livello si osserva una notevole variabilità individuale, 3-4 settimane di K-LCHF preservano capacità e prestazioni di esercizio, ma questo vale per gli sport di intensità moderata.
Le prestazioni dell'esercizio di resistenza ad alta intensità (> 80% del picco VO2) sono compromesse, potenzialmente a causa dell'aumentato costo dell'ossigeno per la produzione di energia dai lipidi. Il periodo di adattamento ottimale è controverso; cambiamenti sostanziali nell'utilizzo del substrato probabilmente si verificano entro 5-10 giorni.
L'adattamento più lungo (> 3-4 mesi) a K-LCHF crea ulteriori modifiche all'utilizzo del substrato e alle prestazioni di resistenza che non sono attualmente comprovati e richiedono ulteriori indagini.
I modelli che integrano sessioni o periodi di elevata disponibilità di carboidrati con K-LCHF possono salvare la compromissione dell'esercizio ad alta intensità associato al solo K-LCHF. Tuttavia, la sottoregolazione dell'ossidazione CHO che accompagna K-LCHF può continuare a limitare il contributo del glicogeno muscolare ai bisogni energetici, anche quando la sua disponibilità viene ripristinata in modo accurato per una gara.
Ciò può continuare a prevenire prestazioni ottimali negli eventi in base all'esercizio fisico più intenso.
 
Le diete ricche di grassi (K-LCHF) per migliorare l'ossidazione del grasso muscolare hanno portato a sostenere che sono il "futuro dello sport di resistenza d'élite".
Gli aumenti sostanziali dell'ossidazione dei grassi, anche negli atleti d'élite, entro 3-4 settimane e forse 5-10 giorni di aderenza a una dieta K-LCHF servono al muscolo, che  può raddoppiare l’uso dei grassi a ∼ 1,5 g / min con l'intensità dei tassi massimi di ossidazione che si spostano dal 45% al ​​∼70% della capacità aerobica massima.
Le riduzioni reciproche dell'ossidazione dei grassi durante l'esercizio sono chiare, ma le prove attuali a supporto dell'ipotesi della normalizzazione del contenuto di glicogeno muscolare con adattamento a lungo termine sono deboli.
È importante sottolineare che il keto-adattamento può compromettere la capacità del muscolo di usare il glicogeno per i destini ossidativi, compromettendo l'uso di una fonte di energia più economica quando l'apporto di ossigeno diventa limitante e, quindi, durante le prestazioni di un esercizio di maggiore intensità (> 80% della capacità aerobica massima).
Anche con esercizi di intensità moderata, la risposta individuale a K-LCHF è variata, con estremi ad entrambe le estremità dello spettro delle prestazioni.
La periodizzazione di K-LCHF con elevata disponibilità di grassi potrebbe offrire opportunità per ripristinare la capacità di esercitare attività fisica ad alta intensità, ma le indagini su vari modelli non sono riuscite a trovare un vantaggio rispetto agli approcci dietetici basati sulle attuali linee guida sulla nutrizione sportiva.
Gli atleti in sport di resistenza che stanno contemplando l'uso di K-LCHF devono bilanciare il rischio di prestazioni compromesse di esercizi ad alta intensità con la probabilità di un inevitabile esaurimento delle riserve di carboidrati.


Autori: Louise M Burke
Fonte: J Physiol. 2020 May 2. doi: 10.1113/JP278928.
Link della fonte: https://physoc.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1113/JP278928