|

martedý 5 settembre 2017

Meno sale per cuori forti

Uno studio finlandese

NUTRIZIONE
imm1L'elevata dose giornaliera di sale è associata ad un aumento sostanziale del rischio di sviluppare insufficienza cardiaca, indipendente da altri fattori di rischio; è quanto suggerisce uno dei più grandi studi che ha misurato con precisione il consumo di sale.

L'assunzione di cloruro di sodio elevato è una causa principale di ipertensione e un fattore di rischio noto per la malattia coronarica e l'ictus. Tuttavia, non è stato determinato il grado in cui l'elevata assunzione di sale aumenta il rischio di insufficienza cardiaca.

L'analisi di più di 4500 individui, presentata qui presso la Congresso Europeo della Cardiologia Europea (ESC) del 2017, ha indicato che gli individui che hanno consumato più di 13,7 g di sale al giorno hanno quasi raddoppiato il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca rispetto a coloro che consumato meno di 6,8 g al giorno.

Sebbene la necessità biologica di sale sia stimata solo da 2 a 3 g al giorno e che l'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda un consumo massimo di 5 g di sale al giorno, il consumo di sale è superiore a entrambi nella maggior parte delle popolazioni.

E "circa l'80% dell'assunzione di sale è in alimenti trasformati ".

Negli anni '70, il consumo medio di sale giornaliero in Finlandia (dove si è svolto lo studio) era di circa 14 g per persona, ma ora è circa 6 g per le femmine e 7 g per i maschi: questo ha ridotto l’incidenza di ictus.

Poiché la tecnica gold standard è quella di determinare l'escrezione media di sodio dai campioni di urina di 24 ore, tuttavia, sono pochi gli studi di coorte basati sulla popolazione che hanno accuratamente valutato l'impatto del consumo di sale sul rischio di insufficienza cardiaca.

In genere è molto difficile misurare il consumo di sale, ma in questo studio sono stati determinati i livelli di escrezione urinaria di sodio, ovvero il consumo di sale è stato valutato "in modo molto accurato".

I ricercatori hanno studiato 4630 uomini e donne di età compresa tra i 25 ei 64 anni che hanno partecipato allo studio Salt Karelia o al National FINRISK Study tra il 1979 e il 2002.

Sono state raccolte misure cliniche di base, campioni di sangue e campioni di urina delle 24 ore, con 1 g di assunzione di sale pari a 17,1 mmol di escrezione di sodio. Inoltre, i partecipanti hanno compilato questionari di comportamento alimentare e sulla salute.

I dati sanitari nazionali sono stati quindi esaminati per determinare il tasso di insufficienza cardiaca a seguito di un follow-up medio di 12 anni, basato sulle cause di morte, sulle cartelle di dimissione ospedaliera e sui rimborsi di farmaci.

Ci sono stati complessivamente 121 casi di insufficienza cardiaca durante il follow-up.

Per un consumo giornaliero di sale da 8,81 a 10,95 g / giorno, il rapporto di rischio per l'insufficienza cardiaca incidente è stato di 1,40, mentre per un consumo giornaliero da 10,96 a 13,73 g / giorno è stato di 1,70 e quello per il consumo giornaliero> 13,73 g / giorno era 2.10 (P = 0.002 per tendenza).

Quando la pressione sanguigna sistolica, l'indice di massa corporea e i livelli di colesterolo sierico sono stati aggiunti al modello, i rapporti di rischio per insufficienza cardiaca si sono attenuati ma sono rimasti significativi.


Autori:  Jousilahti P,  Harald K, Jula A, et al.
Fonte Salt intake and the risk of heart failure. European Society of Cardiology 2017 Congress. August 27, 2017, Barcelona, Spain. 
Link della fonte: Abstract 1192
 

Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.
La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.
Scopri qui cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento 15.00!