|

martedì 6 febbraio 2018

Chetogenica e testosterone, sorpresa!

Perché la dieta chetogenica aumenta il testosterone?

Ricerca Clinica e di Base
imm3Gli effetti di una dieta chetogenica su uomini in allenamento sono positivi sulla performance fisica, sulla composizione corporea e sui loro livelli ormonali. E’ quanto conclude uno studio condotto da Jacob Wilson et al. che ha dimostrato che un intervento nutrizionale basato sulla dieta chetogenica (KD) in atleti universitari mostrava un aumento del testosterone totale rispetto agli individui che seguivano un protocollo di dieta occidentale (WD) con lo stesso allenamento di resistenza.

L'aumento totale del testosterone nel gruppo KD era da ~ 570 ng / dL a ~ 690 ng / dL dopo 12 settimane di intervento, mentre non vi era alcun cambiamento nel testosterone libero dei ragazzi a dieta occidentale.

Ma questo ha un impatto biologico significativo? Quale meccanismo ha elevato il testosterone in questi individui?

Una risposta ci viene fornita da H. Oliveira Santos dell’Università di Uberlandia in Brasile. Eccone una sintesi.

Nello studio di Wilson, sia il gruppo KD che il gruppo WD hanno seguito una dieta isocalorica, il che significa che il differenziale era correlato all'aumento dei lipidi totali e del colesterolo e alla diminuzione della fibra alimentare: come previsto, i carboidrati totali nel gruppo KD sono diminuiti.  Tuttavia, per quanto riguarda questi nutrienti il ​​colesterolo alimentare non è stato calcolato, nonostante il fatto che il colesterolo sia noto per essere fisiologicamente una matrice nella formazione di androgeni e in particolare di testosterone.

Il colesterolo alimentare nei soggetti con KD di Wilson era maggiore di quello del gruppo WD. In parallelo, dato che l'assunzione totale di lipidi nel KD era di circa 220 g al giorno, e all'interno di questo totale 110 g era di grassi saturi, il colesterolo dietetico era anche superiore alle tradizionali raccomandazioni giornaliere (<300 mg / die per individui sani).

Oltre al colesterolo alimentare, è noto che le fibre alimentari, in particolare il tipo solubile, agiscono nel ciclo enteroepatico aumentando così l'escrezione fecale di colesterolo, un fattore che deve essere considerato: nello studio di Wilson et al. il gruppo KD ha ingerito meno fibre alimentari rispetto al gruppo WD (~ 18 g vs 35 g / d) e non era il fattore differenziale che determinava l'aumento del testosterone totale.

 È quindi possibile che l'assunzione di colesterolo di coloro che seguono un WD non sia sufficiente per aumentare il testosterone.

Sebbene ci siano prove che il testosterone riduce la perdita di grasso corporeo, non vi è alcuna conferma fino ad oggi che l'aumento del testosterone totale attraverso un KD sia un fattore importante nel raggiungimento di questo obiettivo. Questo perché il fattore principale che contribuisce alla perdita di grasso corporeo attraverso un KD è il deficit calorico e, in parallelo, la diminuzione di insulinemia e modulazione mitocondriale.

Di interesse, la dieta chetogenica potrebbe essere utile nel trattamento della sindrome metabolica e del diabete mellito di tipo 2. Nel contesto di questo nuovo sviluppo, il potenziale del KD di aumentare il testosterone può essere un coadiuvante terapeutico per il trattamento di altre condizioni, come ad esempio per i pazienti con diabete di tipo 2 che mostrano meno testosterone di individui sani.

Per accertare se il possibile aumento di testosterone attraverso il KD sia derivato dal piano alimentare generale di questa dieta (cioè un'assunzione elevata di grassi totali e saturi e colesterolo e basso contenuto di carboidrati), o se proviene unicamente dall'aumento dell'apporto di colesterolo, è necessario un intervento controllato basato sull'adattamento per ciascun fattore dietetico, in particolare sulla quantità di grasso totale.

Il prossimo passo sarebbe quello di analizzare il KD, o impostare un programma di dieta che incorpori una quantità simile di colesterolo a quella del KD, per i soggetti affetti da ipogonadismo maschile, così come per analizzare la produzione di testosterone che accompagna questa dieta nelle donne, insieme con i livelli di libido risultanti in entrambi i sessi.


Autori: Santos HO.
Fonte: Hormones (Athens). 2017 Jul;16(3):150-160. doi: 10.14310/horm.2002.1745.
Link della fonte: http://www.hormones.gr/8702/article/article.html