|

martedì 6 marzo 2018

Genetica avversa? Dieta proteica!

Mutazioni genetiche meno sfavorevoli con le proteine in tavola

NUTRIZIONE
imm1L'obesità ha una significativa componente genetica insieme a stili di vita errati e fattori ambientali sfavorevoli (stato socioeconomico, istruzione, attività fisica, etnia e schemi alimentari insalubri). Fortemente associato allo sviluppo dell'obesità, il gene FTO (Fat mass & Obesity-associated) è stato uno dei primi loci genetici identificati come associati al peso corporeo.
Gli studi hanno riportato un aumento di 0,25-0,41 kg / m2 di BMI per l'allele di rischio FTO e un corrispondente 20-40% di aumento del rischio di obesità.
Gli individui omozigoti per le varianti di rischio FTO sono, in media, 3 kg più pesanti di quelli senza. Gli alleli di rischio sono più prevalenti nelle popolazioni europee (~ 42%) e meno prevalenti nelle popolazioni africane (~ 12%), rappresentando rispettivamente lo 0,3 e lo 0,1% della varianza totale del BMI, rispettivamente.
Nelle popolazioni asiatiche, la frequenza dell'allele di rischio FTO e la variazione spiegata del BMI sono stimati in 30 e 0,2%, rispettivamente.
L'associazione tra FTO e assunzione alimentare è stata indagata parecchio: la mutazione è stata associata ad un maggiore consumo di energia, grassi e proteine. Inoltre, è stato dimostrato che gli effetti di diversi polimorfismi FTO sul peso corporeo possono essere modificati da vari parametri dietetici. Per esempio, un ampio studio di intervento randomizzato ha studiato le misure antropometriche e la distribuzione del grasso in risposta a diete dimagranti per un periodo di 2 anni.
Coloro che sono portatori di almeno una copia dell'allele di rischio FTO rs1558902 (A) hanno avuto riduzioni significativamente maggiori nella massa corporea e nella distribuzione del grasso in risposta a una dieta ricca di proteine ​​rispetto agli omozigoti dell'allele T, mentre questo effetto del genotipo FTO non è stato osservato nel gruppo di trattamento a basso contenuto di proteine. Questa interazione tra proteine ​​dietetiche e genotipo FTO sulla perdita di peso è stata replicata in una popolazione di adulti obesi in Spagna.
 
Una recentissima pubblicazione ha approfondito l’analisi dell’effetto dell’assunzione proteica
​​nella dieta sull’associazione tra la variante FTO rs1558902 e l'indice di massa corporea (BMI) e la circonferenza della vita nei giovani adulti (n = 1491) dallo studio trasversale di Toronto Nutrigenomics and Health.
 
Sono stati raccolti dati sullo stile di vita, genetici, antropometrici e biochimici e la dieta è stata valutata utilizzando un questionario per la frequenza degli alimenti.
Sono stati usati modelli lineari generali stratificati per etnia e adattati per età, sesso e consumo totale di energia per esaminare l'associazione tra genotipi FTO e misure del peso corporeo e se l'assunzione di proteine ​​modificasse una qualsiasi delle associazioni.
 
Gli asiatici orientali che erano omozigoti per l'allele di rischio rs1558902 (A) avevano un BMI maggiore (p = 0,004) e maggiore circonferenza della vita (p = 0,03) rispetto ai portatori di alleli T. Questa associazione non è stata osservata in individui di origine caucasica o dell'Asia meridionale. Tra gli asiatici orientali, è stata osservata una significativa interazione FTO-proteina sul BMI (p = 0,01) e circonferenza della vita (p = 0,007).
Quelli con basso apporto proteico (≤ 18% dell'apporto energetico totale) che erano omozigoti per l'allele di rischio rs1558902 (A) avevano un BMI significativamente più alto e maggiore circonferenza della vita rispetto ai portatori dell'allele T. Queste associazioni erano assenti nel gruppo ad alto apporto proteico (> 18% di apporto totale di energia).
Rispetto ai caucasici e agli asiatici del sud, gli asiatici orientali hanno consumato un rapporto significativamente più elevato di proteine ​​animali o vegetali.
 
Questi risultati suggeriscono che un'elevata assunzione di proteine ​​nella dieta può proteggere dagli effetti delle varianti di rischio nel gene FTO su BMI e circonferenza della vita.
Assunzioni alimentari più elevate in proteine potrebbero proteggere dagli effetti obesogenici di alcuni genotipi FTO e portare a profili metabolici individuali migliorati.
 

Autori: Merritt DC, Jamnik, El-Sohemy A
Fonte: Genes Nutr  2018 Feb 20;13:4. doi: 10.1186/s12263-018-0593-7.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5819260/
 
Dietosystem®, divisione nutrizionale di DS Medica, La informa che è in linea il nuovo aggiornamento della piattaforma web DIETA COMBINATA® con due importanti novità:
1. Il protocollo passa da 3 a 5 fasi
Il nostro progetto di dieta chetogenica si evolve alla luce della valutazione clinica effettuata su 500 pazienti trattati con la dieta chetogenica. 
Il protocollo passa da 3 a 5 fasi, aggiungendo due fasi di transizione finalizzate al progressivo consolidamento del calo ponderale e al miglior mantenimento della massa magra. Il protocollo DIETA COMBINATA®, dopo la fase d'attacco prevede una più controllata reintroduzione dei carboidrati, questo consentirà, per leggeri problemi di sovrappeso, di procedere come di consueto nel trattamento in tre fasi mentre, per sovrappeso importante e obesità, di gestire in un più ampio lasso di tempo il raggiungimento dell'obiettivo ponderale.

2. La nuova linea di alimenti PROTEOFOOD
Da oggi il sistema dietetico si arricchisce di una nuova linea di prodotti VLC (Very Low Carb), come sempre di esclusiva prescrizione del Nutrizionista. La linea di alimenti PROTEOFOOD unitamente alla linea di integratori alimentari e alla personalizzazione dietetica, garantisce, sin dalle fasi più restrittive del protocollo DIETA COMBINATA®, un riequilibrio metabolico nutrizionale con una maggiore compliance del paziente. 
Grazie alla formulazione nutrizionale ad elevato contenuto proteico e bassissimo apporto glucidico, la linea PROTEOFOOD offre una gamma di alimenti dolci e salati, da integrare nel protocollo DIETA COMBINATA®, garantendo il corretto equilibrio nutrizionale nell'ambito della dieta chetogenica.
L'utilizzo degli alimenti PROTEOFOOD è discrezionale per il Nutrizionista ma soddisfa una necessità del paziente che richiede il consumo di alimenti dolci e salati ai pasti principali o nella prima colazione.Gli alimenti della linea PROTEOFOOD garantiscono nelle diverse fasi del dimagrimento una completa riabilitazione del metabolismo al corretto utilizzo dei carboidrati.

Per saperne di più su Proteofood
Per saperne di più su Integro

Affidati a chi ha 40 anni di esperienza nel trattamento dei pazienti obesi.
Se nutrizionista, puoi acquistare direttamente on line dallo store. Clicca qui.