|

martedì 7 febbraio 2017

Legumi, che sana bontà!

Proteici e vegetali, di meglio non ce n’è

NUTRIZIONE
imm3I legumi sono cibi antichi: fagioli, piselli e lenticchie si consumavano già 10.000 anni or sono.

I legumi sono ricchi di proteine ​​di origine vegetale e fibre, nonché di micronutrienti quali ferro e potassio. L'effetto saziante sia delle fibre che delle proteine ​​aiuta nella gestione del peso e nella lotta contro l'obesità. L'alto contenuto di fibre e il basso indice glicemico è caratteristica molto utile per i pazienti con il diabete.

Recenti raccomandazioni nutrizionali sostengono una riduzione dell’intake di proteine ​​di origine animale (carne di maiale, manzo) a causa di preoccupazioni ambientali. Invece, le proteine ​​da fonti vegetali (fagioli, piselli) dovrebbero essere aumentate. Tuttavia, poco si sa circa l'effetto di queste fonti di proteine ​​vegetali sulla regolazione dell'appetito.

L’argomento è stato analizzato in uno studio in doppio cieco, controllato contro placebo, randomizzato a tre vie cross over in 43 giovani sani, di peso normale.
I pasti di prova erano isocalorici e con lo stesso contenuto di grassi (28%) ma potevano essere ad alto contenuto di proteine ​​animali (19% di proteine, 53% di carboidrati, 6 g di fibre/100 g) o ad alto contenuto proteico da legumi (fagioli e piselli) (19% di proteine, 53% di carboidrati e 25 g di fibra / 100 g) o a basso contenuto di proteine ​​vegetali (9% di proteine, 62% di carboidrati e 10 g di fibre / 100 g).

La sensazione di appetito soggettiva è stata registrata al basale e ogni mezz'ora utilizzando scale analogiche visive fino al pasto ad libitum 3 ore dopo il pasto di prova.
Tra i 3 piatti, quello proteico vegetale ha indotto il punteggio composito più basso per appetito, fame, consumo di cibo prospettico, e una maggiore pienezza. Inoltre, la sazietà era maggiore dopo il menù proteico sia da fonti animali che vegetali.
E il pasto successivo?
Si è osservato un apporto energetico del 12% e 13% in meno, rispettivamente, dopo un piatto di proteine dai legumi.
È interessante notare che un pasto a base vegetale a basso contenuto proteico era saziante e gradevole come un pasto a base animale ad alto contenuto proteico.
 


Autori: Havemeier S, Erickson J, Slavin J.
Fonte: Ann N Y Acad Sci. 2017 Feb 1. doi: 10.1111/nyas.13308.
Link della fonte:  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28146277
 
Autori: Kristensen MD, Bendsen NT, Christensen SM, Astrup A, Raben A.
Fonte: Food Nutr Res. 2016 Oct 19;60:32634. doi: 10.3402/fnr.v60.32634. eCollection 2016.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5073301/