|

martedì 7 maggio 2013

Gravidanza e diabete: quale dieta?

Una dieta a basso indice glicemico (LGI) durante la gravidanza complicata da diabete gestazionale (GDM) può essere benefica tanto quanto una dieta convenzionale con più fibre.

NUTRIZIONE
dieta e gravidanza

Questo, in buona sostanza, è il risultato di uno studio australiano che ha coinvolto 58 donne (età: 23-41 anni; media ± SD pre-gravidanza indice di massa corporea: 24,5 ± 5,6 kg/m -2) con diabete gestazionale.

Una parte delle donne seguiva una dieta LGI  (n = 33) e l’altra parte una dieta convenzionale ad elevato contenuto di fibre (HF, n = 25). Sui due gruppi venivano misurati: il test OGTT durante la gravidanza e i lipidi nel sangue 3 mesi dopo il parto. Le valutazioni antropometriche sono state condotte per 55 coppie madre-bambino. 

Si è così evidenziato che l'indice glicemico delle diete prenatali differiva scarsamente, ma non vi erano differenze significative in nessuno dei risultati post-natali. In conclusione gli autori ritengono che la dieta a basso indice glicemico non abbia dato risultati significativi al confronto con la dieta convenzionale e suggeriscono di tentare lo stesso metodo di studio con i fattori di rischio delle malattie croniche.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23638904
Matern Child Nutr. 2013 May 3. doi: 10.1111/mcn.12039. [Epub ahead of print]Effect of a low glycaemic index diet in gestational diabetes mellitus on post-natal outcomes after 3 months of birth: a pilot follow-up study.