|

martedý 7 giugno 2016

Il peso della dieta nella psoriasi

No ai MUFA, efficace la chetogenica

NUTRIZIONE
imm3La psoriasi è una malattia cronica della pelle associata a sovrappeso/obesità e le relative complicanze cardiometaboliche.

Il modello alimentare occidentale è compreso tra i fattori dietetici ambientali coinvolti nella patogenesi della psoriasi. I metodi di raccolta dei dati nutrizionali e le differenze di genere potrebbero influenzare l'associazione tra dieta e psoriasi. Il questionario “Food intake” sul consumo di 7 giorni è considerato il "gold standard" per la valutazione dei consumi alimentari.

Uno  studio italiano condotto presso il Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli ha indagato le differenze nella dieta, nelle misure antropometriche e il profilo di rischio cardio-metabolico in un gruppo di pazienti psoriasici rispetto a controlli sani di pari età e BMI. Nel gruppo di pazienti psoriasici è stata approfondita l'associazione tra l'assunzione di alimenti e la gravità clinica della malattia.

I pazienti psoriasici hanno riportato introiti superiori e hanno consumato più carboidrati semplici, grassi totali, acidi grassi polinsaturi (PUFA) e omega6/ omega3, colesterolo, mentre il consumo di proteine, carboidrati complessi, MUFA (acidi grassi monoinsaturi) , n-3 PUFA e fibra è stato inferiore a quello del gruppo di controllo.

Inoltre, i pazienti psoriasici hanno presentato peggiori misure antropometriche, profilo glucidico e lipidico, test di funzionalità epatica e valori elevati di HOMA-IR, VAI (visceral adiposity index) e FLI (fatty liver index).

Il punteggio PASI (gravità clinica della psoriasi) ben correla con le misure antropometriche, la glicemia e il profilo lipidico, il test di funzionalità epatica, gli indici cardio-metabolici e le componenti della dieta, ad eccezione di proteine ​​e carboidrati totali.

Le differenze di intake nei pazienti psoriasici maschi adulti sono risultate associate alla gravità della psoriasi e al rischio cardio-metabolico. FLI ha rappresentato un indicatore precoce del profilo di rischio cardio-metabolico in pazienti psoriasici e gli acidi grassi monoinsaturi sono stati predittori forti della gravità clinica della psoriasi, mentre l'associazione tra psoriasi e la sindrome metabolica sembrava essere indipendente dalla assunzione di acidi grassi monoinsaturi.

Lo studio è disponibile in full text in inglese. Clicca qui.


Autori: Barrea L, Macchia PE, Tarantino G, Di Somma C, Pane E, Balato N, Napolitano M, Colao A, Savastano S.
Fonte: J Transl Med. 2015 Sep 16;13:303. doi: 10.1186/s12967-015-0658-y.
Link della fonte: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4571062/pdf/12967_2015_Article_658.pdf
 


La psoriasi è una malattia cronica e si associa a sovrappeso/obesità e alle relative complicanze cardiometaboliche.

Il legame tra queste malattie è probabilmente il background infiammatorio in relazione con il tessuto adiposo, in particolare quello viscerale.
Di conseguenza, studi precedenti hanno dimostrato che la perdita di peso a lungo termine può migliorare la risposta alle terapie sistemiche.

Riportiamo un caso di una donna di 40 anni che soffre di ricaduta da moderata a grave di psoriasi a placche. La paziente presenta sindrome metabolica. Una risposta adeguata al trattamento con terapia biologica per la psoriasi è stato ottenuto solo dopo 4 settimane di dieta VLCD, a bassissimi livelli calorici, a base di proteine (chetogenica).

Di conseguenza, attraverso la perdita di peso rapida, il bassissimo contenuto calorico della dieta chetogenica può consentire il ripristino di una rapida risposta alla terapia sistemica in un paziente affetto da psoriasi recidivante.
Questo intervento deve essere considerato nei pazienti in sovrappeso / obesi prima della riorganizzazione della terapia sistemica.

 
Autori: Castaldo G, Galdo G, Rotondi Aufiero F, Cereda E.
Fonte: Obes Res Clin Pract. 2015 Nov 8. pii: S1871-403X(15)00167-2. doi: 10.1016/j.orcp.2015.10.008. 
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26559897