|

martedì 9 giugno 2020

Quella voglia di dolci...

Si può ridurre, certo!

NUTRIZIONE
Immagine dolciLimitare l'assunzione di zucchero a livello globale è un obiettivo cardine dell’OMS. Una revisione di sondaggi rappresentativi a livello nazionale di 16 paesi ha rilevato che gli adulti hanno consumato il 13,5% –24,6% della loro energia totale dallo zucchero aggiunto, che è di gran lunga superiore al livello di assunzione di zucchero raccomandato dall'OMS del 5% –10% di apporto energetico (circa 12 cucchiaini da tè) al giorno. 

L’aumento del peso corporeo è associato ad un aumento del consumo di zuccheri liberi, con collegamenti particolarmente forti al consumo di bevande dolci zuccherate.

Entro il 2025, il 18% degli uomini adulti e il 21% delle donne adulte in tutto il mondo potrebbero essere obesi.

Nella medicina ayurvedica indiana, le foglie di una vite, la gymnema silvestre , sono usate per trattare il diabete e la carie dentale, riducendo l'obesità e l'infiammazione

Gymnema Sylvestre ha proprietà antidiabetiche in quanto diversi costituenti (acidi ginnemici, gurmarina e gymnemasaponina V) agiscono insieme per normalizzare i livelli di zucchero nel sangue diminuendo il glucosio plasmatico e aumentando la secrezione di insulina da parte del pancreas e la rigenerazione delle cellule delle isole pancreatiche. Masticare le foglie o prepararle come tè si traduce in un inibizione temporaneo e reversibile della percezione del gusto dolce. Questa modulazione del gusto ha conferito alla Gymnema silvestre la reputazione di essere un "distruttore di zucchero" o "gurmar" in hindi. 

Più recentemente, i componenti attivi di Gymnema Sylvestre sono stati identificati e purificati. L'analisi di questi componenti ha rilevato che l'attività di soppressione della dolcezza nell'uomo era influenzata da un gruppo di saponine triterpeniche chiamate acidi ginnemici. Nell'uomo, gli acidi ginnemici sopprimono selettivamente le risposte gustative ai composti dolci senza influenzare la percezione di altri elementi gustativi (salato, acido, amaro e umami). 

Un recente studio ha utilizzato un design crossover in cieco singolo confrontando il consumo di una compressa disciolta contenente 4 mg di acidi ginnici con un placebo isocalorico in 56 giovani uomini e donne sani. 

I partecipanti hanno quindi consumato la compressa GS o placebo e hanno valutato la piacevolezza percepita e il desiderio di più cioccolato dolce su scale analogiche visive separate immediatamente dopo il consumo del cibo dolce ad alto contenuto di zucchero prima e dopo aver consumato fino a cinque porzioni aggiuntive (e gli è stato chiesto di valutare la fame, la piacevolezza e desiderio di mangiare più cioccolato tra ogni periodo di ingestione).

Insomma, il numero di barrette di cioccolato consumate è diminuito di 0,48 barrette (21,3%) in un periodo di 15 minuti dal consumo acidi ginnici ( p = 0,006)!

Il desiderio di mangiare più cibi dolci ricchi di zuccheri ( p = 0,011) e la piacevolezza della cioccolata ( p <0,001) sono stati ridotti dopo l'assunzione di GS. 

Coloro che hanno riferito di avere un "dente dolce" hanno avuto una maggiore riduzione della gradevolezza del cioccolato e desiderano mangiare di più ( p = 0,004) dopo aver consumato GS per la prima porzione di un alimento dolce ad alto contenuto di zucchero. 

Concludono i ricercatori che l’assunzione di GS ha ridotto significativamente la quantità di cioccolato consumato principalmente a causa di una diminuzione del desiderio e della piacevolezza del consumo.
 
Ricordiamo che DS Medica mette a disposizione dei nutrizionisti Glymela, un integratore a base di Gymnema, mela annurca, acido alfa lipoico e cromo che aiutano a mantenere i livelli di glucosio nella norma, a cominciare dalla voglia di dolci, fino al corretto metabolismo degli zuccheri e al loro corretto utilizzo nei tessuti.
 

Autori: Sophie Turner, Charles Diako, Rozanne Kruger et Al.
Fonte: Nutrients. 2020 Apr; 12(4): 1046. doi: 10.3390/nu12041046
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7230589/