|

martedì 9 luglio 2019

Emicrania, chetogenica e mRNA

Alla scoperta del meccanismo sotteso

Ricerca Clinica e di Base
imm4L'emicrania è una malattia neurovascolare di complessa patofisiologia. La dieta chetogenica (KD) è ben nota per il trattamento dell'epilessia resistente ai farmaci e di altri disturbi neurologici tra cui l'emicrania. 

Uno studio ha dimostrato che sei settimane di KD in 2 fasi  influenza i microRNA circolanti (miR) legati al metabolismo energetico (Cannataro R., Perri M. et al. MicroRNA (2019) 8: 1). Alla fine dello studio, sei pazienti obesi femmine auto-riferivano di avere un risultato migliore per gli attacchi di emicrania e l’emicrania persistente. Pertanto, lo stesso gruppo ha analizzato i miR associati a dolore-emicrania.

Il KD è stato pianificato in base al diario alimentare registrato da ciascun soggetto per 14 giorni prima di iniziare il programma e la chetogenica è stata impostata con meno di 30 g di carboidrati al giorno. Su 6 pazienti obesi di sesso femminile che registravano la sofferenza dell'emicrania sono stati analizzati i miR legati al dolore da emicrania. 

Le pazienti hanno ridotto il loro peso durante il programma dietetico e hanno riferito che l'attacco di emicrania è scomparso solo durante e non al di fuori dei cicli del programma bifasico di KD. Tra i 7 miR legati al dolore-emicrania, 6 sono stati trovati sostanzialmente agli stessi livelli prima e dopo il programma KD, mentre l'ha-miR-590-5p e l'emergente hsa -miR-660-3p sono stati fortemente influenzati da KD. 

La KD attraverso la modulazione dei miR può contribuire a ripristinare l'eccitabilità e il metabolismo del cervello e contrastare la neuroinfiammazione e l'emicrania, sebbene il meccanismo preciso non sia ancora chiaro.
 
 
Autori: Cannataro R, Perri M, Caroleo MC, Gallelli L, Sarro G, Cione E.
Fonte: Curr Dev Nutr. 2019 Jun 13;3(Suppl 1). pii: nzz052.P14-007-19. doi: 10.1093/cdn/nzz052.P14-007-19. eCollection 2019 Jun.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6575032/