|

martedì 9 ottobre 2012

Sindrome metabolica e indice glicemico

L’abbinamento dell’attività fisica, con la qualità dei carboidrati della dieta, appare vincente sul peso e sulla gravità della sindrome metabolica.

NUTRIZIONE
indice glicemico

Questo il risultato sostanziale di uno studio condotto su 21 soggetti adulti anziani (66,2 ± 1,1 anni, BMI = 35,3 ± 0,9 kg / m (2)), con sindrome metabolica che sono stati randomizzati a praticare 12 settimane di esercizio fisico (60 min / giorno per 5 giorni / settimana)  in abbinamento a una dieta con un basso (n=10 - Logix) - o alto (n=11 - HiGIx) indice glicemico.

In tutti i partecipanti venivano misurati:la pressione arteriosa,  i trigliceridi (TG), le lipoproteine (HDL), la glicemia a digiuno (FPG), la circonferenza della vita (WC), la composizione corporea, la capacità aerobica, l’insulinoresistenza e i NEFA, sia prima, sia dopo l’intervento sperimentale. Gli autori ritengono, dunque, che l'esercizio fisico in abbinamento a una dieta a basso indice glicemico, possa con la perdita di peso, ridurre anche la gravità della sindrome metabolica.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23036993 Ann Nutr Metab. 2012 Sep 28;61(2):135-141. [Epub ahead of print] Exercise Training with Weight Loss and either a High- or Low-Glycemic Index Diet Reduces Metabolic Syndrome Severity in Older Adults.