|

martedì 9 ottobre 2018

Un'APP contro la malnutrizione

Per controllare l’intake di cibo in ospedale

NUTRIZIONE
imm3E’ notizia recente che la malnutrizione sia frequentissima nei pazienti oncologici e negli ospedalizzati.

La malnutrizione correlata alla malattia è una sfida sanitaria e un sistema efficace per eseguire il monitoraggio nutrizionale e il trattamento dei pazienti a rischio nutrizionale sembra mancare. Un gruppo di ricercatori norvegesi ha messo a punto un sistema più standardizzato per prevenire e curare la malnutrizione correlata alla malattia.

Hanno sviluppato un'applicazione di valutazione dietetica da utilizzare in ambito ospedaliero e ne hanno valutato la capacità di misurare l'assunzione individuale di energia, proteine, liquidi e alimenti e bevande tra i pazienti ospedalizzati per due giorni.

L’app sviluppata comprende tre moduli:
  1. raccolta di informazioni sul paziente,
  2. funzione di valutazione dietetica
  3. valutazione dell'assunzione registrata rispetto alle esigenze individuali.
I pazienti facevano una foto digitale dei pasti, e questa veniva combinata con la pesatura parziale dei componenti del pasto, come metodo di riferimento per valutare il sistema di valutazione alimentare dell'app. Le differenze nelle stime di assunzione di energia, proteine, liquidi e prodotti alimentari e bevande tra l’app e il metodo fotografico sono state analizzate a livello sia di gruppo che individuale.

Trentadue pazienti ospedalizzati all'ospedale universitario di Oslo sono stati inclusi nello studio. Circa la metà dei pazienti ha avuto un accordo ≥90% tra l’app e il metodo fotografico per l'assunzione di energia, proteine ​​e liquidi in entrambi i giorni di registrazione. La cena era il pasto con l'accordo percentuale più basso tra i metodi. L’app ha sovrastimato l'assunzione di pane e cereali e ha sottovalutato il consumo di frutta. L’accordo tra i metodi è aumentato dal giorno 1 al giorno 2 per pane e cereali, creme spalmabili, uova, yogurt, zuppe, piatti caldi e dessert.

Il dato più interessante è che il 90% dei partecipanti ha dichiarato che l’app era facile da usare e il 97% ha trovato l'app facile da navigare.

Un’app per cellulari o tablet può fornire un buon supporto agli operatori sanitari nei loro compiti relativi al trattamento alimentare dei pazienti a rischio nutrizionale. Questo supporto può contribuire a prevenire lo sviluppo di malnutrizione correlata alla malattia tra i pazienti ospedalizzati, ma non solo.  Allo stesso modo, potrebbe aiutare i pazienti a dieta monitorando i loro consumi e permettendo al nutrizionista la correzione di abitudini errate in tempo reale.

L’app potrebbe anche fornire ricette dietetiche e consigli o alert sulla preparazione dei pasti, sulla spesa alimentare ecc.
 

Autori: Paulsen MM1,2, Hagen MLL2, Frøyen MH3, Foss-Pedersen RJ3, Bergsager D3, Tangvik RJ1,4, Andersen LF1,2.
Fonte:   JMIR Mhealth Uhealth. 2018 Sep 7;6(9):e175. doi: 10.2196/mhealth.9953
Link della fonte: https://mhealth.jmir.org/2018/9/e175/