|

martedì 10 aprile 2018

Osteoporosi: scoperto legame tra cellule ossee e livelli di zucchero nel sangue

Un nuovo studio sull’osteoporosi ha portato alla luce un legame tra cellule ossee e livelli di zucchero nel sangue.

Ricerca Clinica e di Base
imm3Lo scheletro è spesso visto come un tessuto inerte, ma questa percezione è completamente sbagliata. Infatti, lo scheletro viene costantemente rimodellato: i vecchi frammenti ossei vengono scomposti e la nuova matrice ossea viene depositata, in generale portando a uno scheletro completamente rinnovato ogni dieci anni. Ci sono cellule specifiche che formano l’osso (osteoblasti) e altre cellule che lo riassorbono(osteoclasti). In malattie come l’osteoporosi, le ultime cellule sono troppo attive e portano alla degradazione dell’osso. La maggior parte dei farmaci attualmente utilizzati mirano principalmente a bloccare queste cellule di riassorbimento. Sfortunatamente, questo in genere significa che anche le loro controparti, le cellule responsabili della formazione di ossa, smettono di funzionare. Di conseguenza, il rinnovamento delle ossa è interrotto. Oltre alla perdita ossea, anche la qualità delle ossa si deteriora. In definitiva, questo può portare a fratture dolorose che sono difficili da guarire.

Per sviluppare nuovi farmaci, gli scienziati stanno studiando come attivare gli osteoblasti. La ricerca si è focalizzata sul modo in cui queste cellule ossee lavorano per la sintesi della matrice ossea nei siti giusti. Un buon apporto di sangue è vitale per il buon funzionamento delle cellule ossee, ma non comprendiamo ancora il pieno significato della stretta connessione tra vasi sanguigni e ossa. Una ipotesi è che i vasi sanguigni forniscano ossigeno, mentre in questo studio è stata esaminata l’importanza dell’ossigeno analizzando i topi con una mutazione che fa si che le loro cellule ossee si comportino come se fossero prive di ossigeno.

I ricercatori hanno trovato due conseguenze di questa situazione. In primo luogo, i topi hanno formato ossa anormalmente pesanti. All’interno delle ossa, hanno notato che le cellule ossee assorbivano enormi quantità di glucosio. Questa osservazione è in linea con la normale risposta delle cellule alla privazione di ossigeno: risparmiano sul consumo di ossigeno convertendo il glucosio in lattato invece di bruciare il glucosio. Non serve ossigeno per questa conversione, ma il rovescio della medaglia è che produce molto meno energia. Per generare energia sufficiente, le cellule ossee nei topi quindi assorbono molto più glucosio del normale.

Un secondo e piuttosto inaspettato effetto della privazione di ossigeno è che i topi erano molto magri. I topi non sembravano ingrassare quando diventavano più grandi, come fanno i topi normali, tuttavia mangiavano tanto quanto i loro normali compagni ed erano ancora meno attivi fisicamente. Ulteriori ricerche hanno rivelato che i topi avevano bassi livelli di zucchero nel sangue.

La metodologia Pneisystem dedica un’attenzione particolare all’osteoporosi, alla sua prevenzione e cura, svolgendo check up mirati come la densitometria ossea computerizzata, oltre che una particolare attenzione all’alimentazione e alle terapie integrate dedicate.

La PneiSystem Academy ha come mission la divulgazione del concetto di terapia incentrata su 4 pilastri fondamentali:
- Ottimizzare le risorse psichiche attraverso l’apprendimento delle tecniche più moderne di gestione dello stress.
- Insegnare come compilare una dieta personalizzata in chiave antiossidante e antinfiammatoria
- Potenziare l’asse psico-immunologico attraverso il movimento, in particolare la danza (Pneisystem Equilibrium Dance)
- Saper selezionare i migliori integratori/ fitoterapici/nutraceutici/principi della low dose medicine e comporre un piano terapeutico centrato sulla persona.
 
Per informazioni più dettagliati sulla metodologia Pneisystem, sul corso Pnei e Nutrizione del 14 e 15 Aprile 2018 e/o sul Master in Pnei e Pneisystem, contatta l’Academy  al n. 3276626977 o tramite mail all’ indirizzo info@pnei4u.com.