|

martedý 11 giugno 2013

Folati: le carenze stagionali

I livelli di acido folico (vitamina B9) nel sangue sono oscillanti rispecchiando la stagionalitÓ della dieta abituale.

NUTRIZIONE
folati

Questo è quanto è stato confermato da uno studio condotto nella repubblica Slovacca allo scopo di valutare eventuali carenze di acido folico in relazione a diverse abitudini alimentari (adulti apparentemente sani non fumatori, 366 soggetti non obesi, 204 persone della popolazione generale, 162 latto-ovo-vegetariani). 

Si è così evidenziato che nella popolazione generale, nel mese di marzo, la concentrazione plasmatica media di folato era sostanzialmente inferiore ai valori considerati normali, con alta incidenza di valori carenti - 31,5%. Nel mese di maggio/giugno rispetto a marzo era significativamente più elevata, con valori carenti nel 13,2% dei soggetti. 

I valori sierici più elevati sono stati osservati in settembre con 11,1% di valori carenti. Nel gruppo vegetariano vs non-vegetariani, le concentrazioni di folati erano significativamente più elevate in ogni stagione senza valori carenti. E ancora, il deficit di marzo ha causato iperomocisteinemia lieve nel 12,3%, contro solo il 5,9% e il 4,8% riscontrati nei gruppi studiati a maggio/giugno e settembre. 

A dispetto delle elevate concentrazioni di folato in tutte le indagini e nessun valore carente, il 19,6-22,8% dei vegetariani mostravano iperomocisteinemia lieve, come conseguenza della carenza di vitamina B12 riscontrata in un quarto dei soggetti. Ecco perché, secondo gli autori, l’inizio della primavera e l’inverno possono causare sintomi da carenza di folati.

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23741898
Cent Eur J Public Health. 2013 Mar;21(1):36-8.
Seasonal folate serum concentrations at different nutrition.