|

martedì 11 settembre 2018

Arteriosclerosi: nuova via cellulare spiega come l’infiammazione sia legata al suo insorgere

I ricercatori hanno identificato una nuova via cellulare che può aiutare a spiegare come l’infiammazione arteriosa si sviluppa nell’arteriosclerosi – i depositi di colesterolo, grassi e altre sostanze che creano placca, ostruiscono le arterie e promuovono infarti e ictus. I risultati potrebbero portare a terapie migliori per l’arteriosclerosi, una delle principali cause di morte in tutto il mondo.

Ricerca Clinica e di Base
imm4La PNEI, e la metodologia Pneisystem conferma da decenni che l’aterosclerosi è una infiammazione cronica che si traduce nella cicatrizzazione delle arterie e danni ai tessuti, lo stimolo che porta a questa infiammazione tuttavia, non è ancora chiaro.

Uno studio pubblicato oggi sulla rivista Cell Metabolism fa luce su questo mistero utilizzando un’infezione batterica per rivelare una cascata di eventi cellulari che possono portare a infiammazione e aterosclerosi.

I ricercatori si sono concentrati sull’interleuchina-1 beta, un tipo di proteina che viene assemblata e rilasciata dalle cellule del sistema immunitario in risposta a infezioni e lesioni, tra cui il danno tissutale causato dall’arteriosclerosi. L‘interleuchina-1 beta aiuta a radunare il sistema immunitario contro queste minacce, ma può anche causare infiammazione cronica. Il team ha cercato di capire come la via dell’interleuchina-1 beta possa promuovere l’aterosclerosi.

Usando topi da laboratorio portatori di un’infezione batterica, insieme a cellule umane coltivate in una capsula di Petri, il team ha scoperto che diversi processi dannosi correlati all’interleuchina-1 beta possono portare all’accumulo di colesterolo nelle arterie.

Per uscire dalle cellule del sistema immunitario, l’interleuchina-1 beta può anche utilizzare gli stessi canali chimici utilizzati dal colesterolo per uscire dalla cellula. Il risultato è una “corsa” in quei canali che blocca l’uscita del colesterolo dannoso per l’arteria e lo fa accumulare nella cellula.

Una volta rilasciata dalla cellula nel corpo, l’interleuchina-1 beta sopprime un recettore chimico che consente di utilizzare la niacina o vitamina B3, nel corpo. Questa azione è dannosa perché la niacina agisce rimuovendo il colesterolo dalle cellule delle pareti delle arterie. Quando la niacina è bloccata, il colesterolo può accumularsi nelle pareti.

La soppressione del recettore della niacina ha un altro effetto negativo: riduce il numero di canali chimici utilizzati dal colesterolo per uscire dalle cellule del sistema immunitario, causando più intrappolamento di colesterolo all’interno. Questo perché il recettore della niacina aumenta anche questi canali come parte della sua normale funzione.

Queste scoperte sono particolarmente significative perché i farmaci che inibiscono l’interleuchina-1 beta hanno mostrato risultati promettenti nel combattere l’aterosclerosi e le malattie cardiache. Un importante studio clinico, condotto da un altro istituto di ricerca e pubblicato lo scorso anno, ha riportato che la somministrazione di uno di questi farmaci a pazienti che avevano un infarto precedente, riduceva l’infiammazione e diminuiva il rischio di un altro evento cardiovascolare.

Quanto scoperto ha aperto la strada alla possibilità di usare questi farmaci per bloccare la produzione iniziale di interleuchina-1 beta, piuttosto che neutralizzarla.

Esiste già un farmaco, la colchicina, che blocca la produzione di interleuchina-1 beta, ma è stato approvato dalla FDA solo per curare la gotta e la febbre mediterranea. Due studi clinici sono in corso per valutare il potenziale del farmaco per il trattamento dell’aterosclerosi e la prevenzione di attacchi di cuore.

Un aspetto molto interessante di questi risultati è che potrebbero sollecitare un riesame della terapia con niacina per l’aterosclerosi e le malattie cardiache;  lo studio recentemente pubblicato, suggerisce che la combinazione di niacina con un inibitore dell’interleuchina-1 beta potrebbe migliorare la terapia con niacina rendendo la niacina più disponibile per il corpo.

Contrastare l’infiammazione cellulare silente mediante terapie integrate di eccellenza è alla base della metodologia Pneisystem.

La PneiSystem Academy ha come mission la divulgazione del concetto di terapia incentrata su 4 pilastri fondamentali:
- Ottimizzare le risorse psichiche attraverso l’apprendimento delle tecniche più moderne di gestione dello stress.
- Insegnare come compilare una dieta personalizzata in chiave antiossidante e antinfiammatoria
- Potenziare l’asse psico-immunologico attraverso il movimento, in particolare la danza (Pneisystem Equilibrium Dance)
- Saper selezionare i migliori integratori/ fitoterapici/nutraceutici/principi della low dose medicine e comporre un piano terapeutico centrato sulla persona.
 
Per informazioni più dettagliati sulla metodologia Pneisystem, e sul Master in Pnei e Pneisystem, attraverso il quale il professionista medico e/o biologo nutrizionista può divenire un Pneisystem Expert, contatta l’Academy  al n. 3276626977, tramite mail all’ indirizzo info@pnei4u.com o visita il sito www.pnei4u.com