|

martedý 11 settembre 2018

Meglio del BMI

Una nuova equazione antropometrica predice la massa grassa

Ricerca Clinica e di Base
imm3Nella pratica clinica della vita reale, sebbene il BMI sia utilizzato per identificare i pazienti obesi, i medici dovrebbero considerare l'effetto di un eccesso di peso sulla salute del paziente - e la misura RFM (Relative Fat Mass), come l'IMC, non lo fa.

La domanda diventa quindi, un RFM più elevato è associato a risultati clinici peggiori? Questa è la stessa domanda alla quale i medici devono rispondere se usano il BMI per guidare il processo decisionale clinico.

I dati dal NHANES
Per sviluppare e convalidare RFM, gli autori hanno utilizzato due serie di dati dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES), indagine condotta tra il 1999 e il 2004 per lo sviluppo del modello.

Le misurazioni della percentuale del grasso corporeo sono state effettuate mediante assorbimetria a raggi X a doppia energia (DXA); oltre 350 misurazioni in uomini e donne di un’ampia varietà di gruppi etnici per arrivare a definire l’equazione altezza / vita, chiamata massa grassa relativa, come modello semplice (richiede solo due misure antropometriche comuni), superiore al BMI nel predire la percentuale di grasso corporeo tra gli uomini.

Ecco l’equazione RFM
64 − (20 × altezza in m/circonferenza vita in m) + (12 × sesso) dove sesso=0 per gli uomini e =1 per le donne.

RFM era significativamente più accurata rispetto al BMI a stimare la massa di grasso corporeo in donne al 91,5% contro il 21,6% per l’indice di massa corporea (P <.001).

La massa grassa calcolata utilizzando la nuova equazione ha portato a un minor numero di falsi negativi, al 5,0% nelle donne rispetto al 72,0% se misurata con il BMI (p <0,001). Questo è stato ancora una volta vero per gli uomini, anche se la differenza era molto meno drammatica, per cui l'uso di RFM ha determinato un tasso di falsi negativi del 3,8% rispetto al 4,1% del BMI (P <.001).

È interessante notare che, RFM ha portato a un minor numero di falsi positivi tra gli uomini al 32,3% rispetto al 49,7% quando è stato utilizzato il BMI (p <0,001), mentre i falsi positivi tra le donne erano molto più alti al 41% se misurato da RFM rispetto al BMI, che non aveva falsi positivi (P <.001).

Ciò che però predice esiti avversi in pazienti con obesità non è la percentuale di grasso corporeo, ma la distribuzione del grasso corporeo: il grasso corporeo centrale è associato con diabete, steatosi epatica e tutti i tipi di anomalie metaboliche in misura molto maggiore rispetto ai grassi periferici.

Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori: Orison O. Woolcott & Richard N. Bergman 
Fonte: Scientific Reports volume 8, Article number: 10980 (2018) 
Link della fonte: https://www.nature.com/articles/s41598-018-29362-1