|

martedý 12 gennaio 2016

Anziani pi¨ magri per un cervello pi¨ giovane

Perdere il peso in eccesso migliora la memoria, la funzione esecutiva e il linguaggio negli anziani.

PATOLOGIA
anzianiI pazienti obesi anziani con decadimento cognitivo lieve (MCI) che intenzionalmente perdono peso migliorano la memoria, la funzione esecutiva e il linguaggio.

Molti di questi miglioramenti cognitivi sembravano essere più accentuati nei pazienti più giovani e quelli con il genotipo APOE4 (legato al rischio di sviluppare demenza).

I risultati suggeriscono che i medici dovrebbero incoraggiare i pazienti obesi con a perdere il peso in eccesso attraverso la restrizione calorica. Questi risultati, pubblicati online sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism derivano da uno studio che ha incluso 80 partecipanti per lo più di sesso femminile con MCI (età media, 68.1 anni). Il loro indice di massa corporea (BMI) variava da 30 a 49,5 kg / m2), e il 26,3% erano portatori del genotipo APOE4.

I partecipanti sono stati invitati a impegnarsi in almeno 150 minuti di moderata intensità attività aerobica o camminare a settimana. Tutti i pazienti hanno ricevuto cure mediche convenzionali. La metà ha avuto anche la consulenza nutrizionale regolare volta a promuovere sane abitudini alimentari e la perdita di peso attraverso la restrizione calorica.

I ricercatori hanno somministrato ai partecipanti una serie di test neuropsicologici che hanno valutato i vari aspetti della cognizione. I pazienti sono stati classificati come attivi (150 o più minuti alla settimana di attività fisica) o sedentari.

Il BMI è diminuito in media di 1,7 e il 43,8% dei pazienti ha perso più del 5% del loro peso corporeo iniziale. (L'obiettivo era il 10%.)
C'era miglioramento nella maggior parte dei test cognitivi in ​​entrambi i gruppi. Dopo aggiustamento per educazione, sesso, attività fisica, test di base, la riduzione del BMI è stata associata a miglioramenti nella cognizione globale, memoria verbale, e funzione esecutiva.

La memoria verbale era la zona che sembrava trarre i maggiori benefici dalla perdita di peso. Per ogni incremento di BMI (1 kg / m2) ha perso, c'è stato un aumento di 1.81 della deviazione standard sul punteggio del test.
Per la memoria verbale e il linguaggio, l'effetto della perdita di peso è stato più favorevole per i pazienti più giovani. Infatti, per il linguaggio, la perdita di peso nei soggetti di età superiore ai 70 anni di età è stata correlata con un peggioramento dei punteggi. Ma i pazienti più anziani hanno in genere più danni neurologici.

La massa magra non è cambiata tra i partecipanti allo studio. Come analisi di sicurezza, i ricercatori hanno testato la funzione fisica, prima e dopo l'intervento e hanno riscontrato velocità di andatura e funzione muscolare (misurata dal tempo di sedersi / Get Up test) nettamente migliorate.

Author:Horie NC, Serrao VT, Simon SS et al.

Source:The Journal of clinical endocrinology&metabolism