|

giovedì 12 giugno 2014

Obesità e patologie cardiovascolari: quanto pesa il rischio?

Tre elementi fondamentali sono alla base dell’associazione tra l’obesità e le patologie cardiovascolari: ipertensione, ipercolesterolemia e iperglicemia.

PATOLOGIA
sovrappeso cuore

Tre elementi fondamentali sarebbero alla base dell’associazione tra l’eccesso di peso corporeo e la suscettibilità allo sviluppo delle principali patologie a carico del sistema cardiovascolare come l’aterosclerosi e l’ictus: l’ipertensione, e la presenza di livelli elevati di colesterolo e glucosio nel sangue.

Secondo una recente analisi della letteratura scientifica, il controllo di queste tre condizioni permetterebbe di dimezzare il rischio di patologie coronariche e, addirittura tre quatri del rischio di ictus.

Lo fanno sapere i ricercatori americani dell’US National Institute of Health e inglesi del UK Medical Research Council attraverso uno studio congiunto che ha esaminato queste associazioni mediante i dati raccolti da 97 studi clinici per un totale di oltre 1.8 milioni di indiviui adulti.

Lo studio ha infatti avuto come obiettivo quello di valutare l’impatto di questi tre fattori nel mediare il rischio cardiovascolare associato all’eccesso di peso corporeo. Gli autori hanno così inizialmente osservato che per ogni aumento pari a 5 unità del valore di BMI (Body Mass Index), il rischio relativo (Hazard Ratio, HR) per lo sviluppo di patologie coronariche era pari a 1.27 e quello per l’ictus pari a 1.18.

In seguito alla correzione statistica per i tre elementi precedentemente menzionati il rischio relative si riduceva, rispettivamente a 1.15 e 1.4, suggerendo che il 46% e il 76% dell’eccesso del rischio per le due condizioni è mediato da questi fattori.

In particolare, l’ipertensione risultava essere il fattore più significativamente coinvolto in questa associazione, e quindi deve essere considerato come la condizione da combattere in modo più decisivo nell’obesità e nel sovrappeso.

Source:Lu Y, Hajifathalian K, Ezzati M et al. Metabolic mediators of the effects of body-mass index, overweight, and obesity on coronary heart disease and stroke: a pooled analysis of 97 prospective cohorts with 1·8 million participants. Lancet. 2014