|

martedì 12 settembre 2017

Dieta senza FODMAPS per la salute dell’intestino

Una recente metanalisi conferma l’efficacia

NUTRIZIONE
imm1La sindrome dell'intestino irritabile (IBS), la malattia intestinale infiammatoria (IBD) e il cancro del colon-retto (CRC) sono condizioni croniche intestinali, di elevata incidenza e prevalenza.

IBS colpisce il 7-15% della popolazione generale. Il doppio della frequenza è nelle donne e viene diagnosticata più frequentemente nei pazienti di età inferiore ai 50 anni. È caratterizzato da episodi ricorrenti di sintomi gastrointestinali funzionali i cui meccanismi fisiopatologici non sono completamente chiari . I sintomi più comuni includono dolore addominale, gonfiore, costipazione e / o diarrea. IBS ha un impatto negativo sulla qualità della vita e provoca un considerevole onere sulle risorse sanitarie.

Come i fenotipi clinici, i meccanismi fisiopatologici alla base della sindrome sono eterogenei e non completamente compresi. Tuttavia, vi sono prove che IBS può derivare da una combinazione di cambiamenti di motilità gastrointestinale, ipersensibilità viscerale, infiammazione di basso grado, microbiota alterato e componenti alimentari.

A causa della diversità dei sintomi di IBS e della loro notevole variabilità nel tempo, vengono utilizzati un'ampia gamma di trattamenti farmacologici che spesso mirano solo al sintomo primario; quindi, quando sono presenti molti sintomi, i trattamenti somministrati sono spesso inadeguati. Ciò ha portato alla ricerca dell'uso delle terapie alimentari come opzione di trattamento. Il cibo è quindi un problema centrale e costante per i pazienti con IBS. Fino al 70% dei pazienti affetti da IBS associa l'inizio o l'esacerbazione dei sintomi con alcuni alimenti. Tuttavia, evitando cibi come prodotti lattiero-caseari, grano, agrumi, caffeina e alcol spesso si ottiene un miglioramento del sintomo trascurabile. Le consulenze alimentari attuali per i pazienti affetti da IBS includono pasti regolarmente pianificati, una riduzione dell'assunzione di fibre, l'eliminazione di alimenti contenenti lattosio, l'eliminazione di alimenti in scatola, l'eliminazione di alimenti che producono gas come i fagioli, cavolo e cipolle, e limitazioni alla caffeina, alcol e alimenti grassi. L'eliminazione di alimenti contenenti lattosio è ancora molto controversa, in quanto questo non è richiesto da tutti i pazienti. Alcuni pazienti con IBS hanno dimostrato una buona tolleranza al lattosio.

Un approccio dietetico di recente concezione consiste nel limitare gli alimenti con oligo-, di- e monosaccharidi altamente fermentabili, così come i polioli (FODMAP), che possono innescare e / o esacerbare i sintomi di IBS. I FODMAP sono carboidrati a breve catena (SCC) osmoticamente attivi che sono poco assorbiti e fermentati rapidamente dai batteri intestinali. L'aumento del volume intralumen dell'acqua, dovuto all'attività osmotica e alla produzione di gas dalla loro fermentazione, provoca distensione intestinale e induce sintomi gastrointestinali in individui sensibili. Inoltre, i FODMAP sembrano essere coinvolti nella generazione di sintomi attraverso effetti diretti e indiretti sul microbiota intestinale, sulla barriera intestinale, sulla risposta immunitaria e sulla sensazione viscerale. Una dieta a basso FODMAP può avere un impatto positivo sui sintomi di IBS.

Il principale meccanismo di azione delle diete a basso contenuto di FODMAP è considerato una riduzione dell'assorbimento intestinale di SCC osmoticamente attivi, con conseguente diminuzione del contenuto di acqua intestinale e effetti a valle sulla fermentazione del colon e sulla produzione di gas. I recenti studi hanno riferito che, rispetto alla base, le diete a basso FODMAP riducono i livelli sierici di interleuchine proinfiammatorie (IL) IL-6 e IL-8, i livelli di batteri fecali (Actinobacteria, Bifidobacterium e Faecalibacterium prausnitzii) acidi grassi a catena (SCFA) e acido n-butirrico.

La risposta ad una dieta a basso contenuto di FODMAP può essere associata a fattori legati alla demografia del paziente, alla composizione e al metabolismo del microbioma e al sottotipo di IBS.

Una recente meta-analisi, inclusi i dati fino a marzo 2015, ha completato studi randomizzati di controllo (RCT) stratificati per risultato.

I risultati hanno mostrato che nelle RCT i pazienti che hanno ricevuto una dieta a basso dosaggio di FODMAP hanno riscontrato una riduzione statisticamente significativa del dolore e del gonfiore addominale rispetto a quelli che ricevono una dieta tradizionale; per quanto riguarda la consistenza delle feci, non esisteva alcuna differenza significativa tra i trattamenti. Una riduzione significativa del dolore addominale e della stipsi è stata descritta da pazienti che ricevono una dieta a basso FODMAP rispetto a quelli che ricevono una dieta ad alta FODMAP. Negli studi di coorte, il dolore e il gonfiore sono stati significativamente ridotti dopo il trattamento rispetto alla dieta basale.

Le evidenze quindi forniscono prove consistenti che una dieta a basso FODMAP abbia un impatto favorevole sui sintomi di IBS, in particolare nel dolore addominale e nel gonfiore. Tuttavia, resta da dimostrare se una dieta a basso FODMAP sia superiore alle diete convenzionali per IBS, soprattutto a lungo termine.


Autori:   Altobelli E, Del Negro V, Angeletti PM, Latella G.
Fonte: Nutrients. 2017 Aug 26;9(9). pii: E940. doi: 10.3390/nu9090940.
Link della fonte: http://www.mdpi.com/2072-6643/9/9/940/htm


Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.  La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.

Scopri qui cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento 15.0!

In particolare è disponibile il nuovo modulo DISBIOSI INTESTINALE con 5 codici patologia specifici (IBS con prevalenza diarrea; IBS con prevalenza stipsi; IBS con alvo alterno; LGS e SIBO) e relative schede sinottiche e di counselling.

Inoltre, per tutti gli ingredienti presenti in banca dati è stata indicata la presenza di uno o più FODMAP (= Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols) con la possibilità di monitorare e commentare la sintomatologia del paziente in seguito a esclusione/riammissione degli alimenti nella dieta.

Ulteriori informazioni qui.