|

martedì 13 febbraio 2018

Proteine per ogni età

Anche nell’anziano

NUTRIZIONE
imm2Una crescente consapevolezza della diffusione e degli effetti avversi della perdita muscolare legata all'invecchiamento, inclusa la ridotta capacità funzionale e la diminuzione della qualità della vita ha stimolato lo sviluppo di strategie nutrizionali progettate specificamente per preservare e/o ripristinare massa e funzione del muscolo scheletrico.

La perdita di peso e la sottonutrizione sono comuni negli anziani, spesso associati a, e/o causati da riduzione dell'appetito e assunzione di cibo. Questi cambiamenti sono stati definiti "anoressia dell'invecchiamento" e possono essere associati a gravi effetti avversi.

Una strategia nutrizionale "comune" per la gestione della malnutrizione nelle persone anziane è l'uso di integratori alimentari, che di solito sono bevande ad alto contenuto energetico a base di proteine ​​del siero del latte (ad es. 10-30 g di proteine).

Il siero di latte, se paragonato alla caseina o alla soia, è fonte proteica che produce una maggiore sintesi proteica muscolare negli uomini giovani e anziani: le proteine del siero di latte sono caratterizzate da alta qualità, ricche di amminoacidi essenziali e a catena ramificata e leucina, e vengono rapidamente digerite.

I potenziali meccanismi coinvolti nella regolazione dell'assunzione di energia comprendono variazioni nel rilascio e nell'azione dell'ormone intestinale (ad esempio, grelina, polipeptide insulinotropico glucosio -dipendente / polipeptide inibitore gastrico (GIP), polipeptide-1 glucagone-simile (GLP-1) e peptide YY (PYY)), così come le concentrazioni plasmatiche di aminoacidi.

L'invecchiamento sano è associato a una ridotta reattività agli effetti soppressivi dei nutrienti, comprese le proteine, sull'appetito e sull'assunzione di energia.

Ipotizzando che le proteine ​​del siero di latte somministrate per via intraduodenale comportino risposte correlate al carico, correlate al successivo apporto energetico, di glucosio, ormoni intestinali e amminoacidi, e che ci fossero relazioni con la conseguente assunzione di energia ad libitum, un gruppo di ricercatori ha randomizzato 10 uomini giovani  (19-29 anni, 73 ± 2 kg, 22 ± 1 kg / m² ) e 10 uomini anziani (68-81 anni, 79 ± 2 kg, 26 ± 1 kg / m²) sani all’infusione di proteine ​​del siero di latte idrolizzate (30 kcal, 90 kcal e 180 kcal) e soluzione salina di controllo (~ 0 kcal) per 60 min, in doppio cieco.

Insulina plasmatica, glucagone, peptide inibitorio gastrico (GIP), GLP-1, PYY e concentrazioni di aminoacidi, ma non la glicemia, sono aumentati, mentre la grelina è diminuita.

Le concentrazioni plasmatiche di GIP erano maggiori negli anziani rispetto agli uomini più giovani. L'assunzione di energia è risultata correlata positivamente con la grelina plasmatica e negativamente con le concentrazioni di insulina, glucagone, GIP, GLP-1, PYY e amminoacidi (p <0,05).

Gli autori concludono quindi che le infusioni intraduodenali di sieroproteine ​​ hanno provocato cambiamenti negli ormoni e negli amminoacidi intestinali dipendenti dal carico proteico negli uomini più giovani e più anziani, e queste risposte erano correlate alla successiva assunzione di energia ad libitum. Le concentrazioni plasmatiche di insulina, glucagone, GLP-1 e PYY sono aumentate e la grelina è diminuita a un livello comparabile nei due gruppi di differente età, mentre le risposte GIP erano maggiori negli uomini più anziani rispetto ai più giovani.

Le proteine del siero di latte possono essere assunte per via orale da persone anziane a rischio, o con, malnutrizione o perdita muscolare, in quantità abbastanza elevate da avere effetti benefici sul loro stato nutrizionale e muscolare, senza riduzione, e in realtà più probabile aumento, del loro apporto energetico complessivo. Inoltre, la maggiore risposta del GIP degli ormoni incretinici a seguito dell'infusione intraduodenale di proteine del siero del latte in uomini più anziani rispetto a quelli più giovani è probabilmente benefica per il controllo glicemico nelle persone anziane. Mentre le concentrazioni plasmatiche di acido glutammico, lisina e triptofano durante le infusioni intraduodendali del siero di latte erano diverse tra uomini sani di età avanzata e uomini più giovani, le concentrazioni totali ed essenziali di amminoacidi, compresa la leucina, erano comparabili.

Questi risultati suggeriscono che l'ingestione regolare di proteine del siero di latte in quantità sufficienti è probabile che abbia dei benefici nel prevenire la perdita muscolare durante l'invecchiamento, incluso ritardare l'insorgenza dell'obesità sarcopenica.

Leggi l’articolo originale in full text

 
Auitori: Giezenaar C, Luscombe-Marsh ND, Hutchison AT, Standfield S, Feinle-Bisset C, Horowitz M, Chapman I, Soenen S
Fonte: Nutrients.2018 Jan 12;10(1). pii: E78. doi: 10.3390/nu10010078
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5793306/
 
Dietosystem®, divisione nutrizionale di DS Medica, La informa che è in linea il nuovo aggiornamento della piattaforma web DIETA COMBINATA® con due importanti novità:
1. Il protocollo passa da 3 a 5 fasi
Il nostro progetto di dieta chetogenica si evolve alla luce della valutazione clinica effettuata su 500 pazienti trattati con la dieta chetogenica. 
Il protocollo passa da 3 a 5 fasi, aggiungendo due fasi di transizione finalizzate al progressivo consolidamento del calo ponderale e al miglior mantenimento della massa magra. Il protocollo DIETA COMBINATA®, dopo la fase d'attacco prevede una più controllata reintroduzione dei carboidrati, questo consentirà, per leggeri problemi di sovrappeso, di procedere come di consueto nel trattamento in tre fasi mentre, per sovrappeso importante e obesità, di gestire in un più ampio lasso di tempo il raggiungimento dell'obiettivo ponderale.

2. La nuova linea di alimenti PROTEOFOOD
Da oggi il sistema dietetico si arricchisce di una nuova linea di prodotti VLC (Very Low Carb), come sempre di esclusiva prescrizione del Nutrizionista. La linea di alimenti PROTEOFOOD unitamente alla linea di integratori alimentari e alla personalizzazione dietetica, garantisce, sin dalle fasi più restrittive del protocollo DIETA COMBINATA®, un riequilibrio metabolico nutrizionale con una maggiore compliance del paziente. 
Grazie alla formulazione nutrizionale ad elevato contenuto proteico e bassissimo apporto glucidico, la linea PROTEOFOOD offre una gamma di alimenti dolci e salati, da integrare nel protocollo DIETA COMBINATA®, garantendo il corretto equilibrio nutrizionale nell'ambito della dieta chetogenica.
L'utilizzo degli alimenti PROTEOFOOD è discrezionale per il Nutrizionista ma soddisfa una necessità del paziente che richiede il consumo di alimenti dolci e salati ai pasti principali o nella prima colazione.Gli alimenti della linea PROTEOFOOD garantiscono nelle diverse fasi del dimagrimento una completa riabilitazione del metabolismo al corretto utilizzo dei carboidrati.

Per saperne di più su Proteofood
Per saperne di più su Integro

Affidati a chi ha 40 anni di esperienza nel trattamento dei pazienti obesi.
Se nutrizionista, puoi acquistare direttamente on line dallo store. Clicca qui.