|

martedý 13 marzo 2018

Niente paradosso obesitÓ

Niente da fare, essere obesi Ŕ insalubre

Ricerca Clinica e di Base
imm1Paradosso dell'obesità nella malattia di cuore confutato da una nuova analisi!

Una nuova analisi dei dati di follow-up a lungo termine di 10 coorti di popolazione mette in discussione il cosiddetto paradosso dell'obesità, derivante da analisi di popolazione che hanno suggerito, per i malati di cuore, una mortalità minore se sovrappeso o obesi.

Questi studi includevano pazienti che avevano già malattia cardiovascolare al momento dello studio,  e la cosa potrebbe aver introdotto molti bias: i pazienti obesi possono avere una diagnosi di malattia cardiaca prima di altri e quindi potrebbe sembrare che vivano con una malattia cardiaca per un tempo più lungo.

Il nuovo studio ha analizzato i dati a livello individuale da 190.672 esami di pazienti in 10 grandi coorti prospettiche con un totale di 3,2 milioni di anni di follow-up. Tutti i partecipanti non avevano malattia cardiovascolare  al basale e esisteva documentazione su altezza e peso per valutare il BMI.

I risultati hanno dimostrato che rispetto ai soggetti con un BMI normale (definito come un BMI tra 18,5 e 24,9), il rischio di evento cardiovascolare era più alto nelle persone in sovrappeso (BMI, 25.0 a 29.9) e obese (BMI, 30.0 a 39.9).
 
Rispetto al gruppo di peso nella norma, gli uomini di mezza età in sovrappeso presentavano un rapporto di rischio 1,21, le donne di 1,32 mentre gli uomini obesi avevano un rischio di 1,67 e le donne di 1,85, rischio che impenna negli uomini e nelle donne con obesità morbigena (3,14 e 2,53, rispettivamente).

I ricercatori hanno trovato una associazione più forte tra categorie di BMI e insufficienza cardiaca (HF) rispetto ad altri sottotipi di malattia di cuore, con un aumento di cinque volte maggiore in uomini di mezza età con obesità patologica.

In termini di durata della vita, essere normopeso allunga la vita di 1,9 anni rispetto agli uomini obesi e di 6 anni rispetto ai superobesi. Risultati simili anche per le donne.

Se le persone obese vivono vite più brevi, le persone in sovrappeso hanno una durata della vita simile a quelle di peso normale, ma hanno sviluppato malattie cardiovascolari prima delle persone con BMI normale.
 
 
Autori: SS Khan,  H Ning, JT Wilkins et al
Fonte: JAMA Cardiol. Pubblicato online il 28 febbraio 2018
Link della fonte: https://jamanetwork.com/journals/jamacardiology/article-abstract/2673289?redirect=true
 
Dietosystem®, divisione nutrizionale di DS Medica, La informa che è in linea il nuovo aggiornamento della piattaforma web DIETA COMBINATA® con due importanti novità:
1. Il protocollo passa da 3 a 5 fasi
Il nostro progetto di dieta chetogenica si evolve alla luce della valutazione clinica effettuata su 500 pazienti trattati con la dieta chetogenica. 
Il protocollo passa da 3 a 5 fasi, aggiungendo due fasi di transizione finalizzate al progressivo consolidamento del calo ponderale e al miglior mantenimento della massa magra. Il protocollo DIETA COMBINATA®, dopo la fase d'attacco prevede una più controllata reintroduzione dei carboidrati, questo consentirà, per leggeri problemi di sovrappeso, di procedere come di consueto nel trattamento in tre fasi mentre, per sovrappeso importante e obesità, di gestire in un più ampio lasso di tempo il raggiungimento dell'obiettivo ponderale.

2. La nuova linea di alimenti PROTEOFOOD
Da oggi il sistema dietetico si arricchisce di una nuova linea di prodotti VLC (Very Low Carb), come sempre di esclusiva prescrizione del Nutrizionista. La linea di alimenti PROTEOFOOD unitamente alla linea di integratori alimentari e alla personalizzazione dietetica, garantisce, sin dalle fasi più restrittive del protocollo DIETA COMBINATA®, un riequilibrio metabolico nutrizionale con una maggiore compliance del paziente. 
Grazie alla formulazione nutrizionale ad elevato contenuto proteico e bassissimo apporto glucidico, la linea PROTEOFOOD offre una gamma di alimenti dolci e salati, da integrare nel protocollo DIETA COMBINATA®, garantendo il corretto equilibrio nutrizionale nell'ambito della dieta chetogenica.
L'utilizzo degli alimenti PROTEOFOOD è discrezionale per il Nutrizionista ma soddisfa una necessità del paziente che richiede il consumo di alimenti dolci e salati ai pasti principali o nella prima colazione.Gli alimenti della linea PROTEOFOOD garantiscono nelle diverse fasi del dimagrimento una completa riabilitazione del metabolismo al corretto utilizzo dei carboidrati.

Per saperne di più su Proteofood
Per saperne di più su Integro

Affidati a chi ha 40 anni di esperienza nel trattamento dei pazienti obesi.
Se nutrizionista, puoi acquistare direttamente on line dallo store. Clicca qui.