|

martedý 13 ottobre 2020

Mangiare prima, non in fretta!

Pi¨ si fa tardi, peggio Ŕ

LIFE STYLE
Immagine pastoChe sia nell’ambito di una dieta o come semplice abitudine, mangiare più tardi non va bene.
Uno studio spagnolo recente ha voluto determinare se le assunzioni alimentari tardive sono trasversalmente associate all'obesità e ai fattori di rischio cardiometabolico e se il mangiare tardi è associato al tasso di perdita di peso e al successo seguendo un protocollo di intervento per la perdita di peso.
 
Al momento del reclutamento, nell’ambito di uno studio di intervento per la perdita di peso, il punto medio dell'assunzione di pasti è stato determinato calcolando il punto intermedio tra l'ora della colazione e della cena e la composizione della dieta è stata determinata dal recall alimentare.
I partecipanti sono stati divisi in mangiatori precoci (prima delle 14:54) e in ritardo (dopo le 14:54).
I profili ormonali cardiometabolici e di sazietà sono stati determinati da campioni di sangue a digiuno raccolti prima dell'intervento. La perdita di peso settimanale e le barriere sono state valutate durante il programma  di 19 settimane.
I ricercatori spagnoli hanno analizzato i dati di 3362 adulti di età media 41 anni, 79,2% donne, BMI: 31,05. Al basale, non sono state osservate differenze nell'assunzione di energia o nei livelli di attività fisica tra i consumatori precoci e tardivi. I consumatori tardivi avevano un BMI più elevato, concentrazioni più elevate di trigliceridi e una minore sensibilità all'insulina rispetto ai mangiatori precoci prima della dieta. Inoltre, i consumatori tardivi avevano concentrazioni più elevate dell'ormone della sazietà leptina al mattino.
In media, i consumatori tardivi avevano un tasso settimanale medio di perdita di peso inferiore di 80 g, maggiori probabilità di avere difficoltà per la perdita di peso e meno motivazione per la perdita di peso rispetto ai consumatori precoci.
 
In sintesi, questi risultati suggeriscono che mangiare tardi è associato a fattori di rischio cardiometabolici e ridotta efficacia di un intervento dimagrante, quindi meglio anticipare i tempi dell’assunzione del cibo.
 

Author:Hassan S Dashti, Puri Gˇmez-Abellßn, Jingyi Qian et Al.

Source:Am J Clin Nutr.á2020 Oct 6;nqaa264.doi: 10.1093/ajcn/nqaa264.