|

lunedì 14 aprile 2014

Dieta mediterranea previene attivazione immunitaria, la conferma italiana

L’aderenza alla dieta di tipo mediterraneo previene l’instaurarsi di uno stato infiammatorio cronico, riducendo così il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari.

NUTRIZIONE
mediterranea infiammazione

Nuove evidenze sui benefici associati alla dieta mediterranea riguardano la potenziale protezione offerta da questo modello alimentare contro l’instaurarsi di uno stato di attivazione cronica del sistema immunitario, e dunque la predisposizione allo sviluppo di patologie a carico del sistema cardiovascolare e cerebrovascolare.

La conferma giunge da un recente studio italiano dal titolo Moli-sani condotto dai ricercatori dell’Istituto Neurologico Mediterraneo NEUROMED di Pozzilli, Isernia. L’analisi, alla quale hanno partecipato oltre 14.500 individui, ha potuto dimostrare che il livello di aderenza al modello alimentare mediterraneo correlava con la presenza di un profilo immunitario più favorevole, caratterizzato nello specifico da concentrazioni di piastrine e cellule bianche nel sangue nei soggetti che presentavano una composizione della dieta più vicina al tipo mediterraneo.

I livelli di piastrine e cellule bianche costituiscono infatti due indicatori classici dell’infiammazione e la presenza di valori elevati di questi due parametri sembra correlare con un maggiore rischio di sviluppare condizioni patologiche come incidenti cerebrovascolari e arteropatie.

Al contrario, il consumo regolare dei costituenti classici della dieta mediterranea sembra offrire una discreta protezione verso queste condizioni. Lo studio avrebbe quindi identificato un possibile meccanismo attraverso il quale tale modello alimentare sia in grado di offrire protezione verso lo sviluppo alcune di patologie croniche che condividono una base fisiopatologica infiammatoria.

Tuttavia, resta ancora sconosciuta la spiegazione biologica di tale osservazione. I ricercatori hanno tuttavia potuto riscontrare come specifiche categorie alimentari, in particolare cibi ricchi composti antiossidanti e fibre, fossero in grado di modificare in modo più marcato la relazione tra l’aderenza alla dieta e il profilo immunitario dei partecipanti allo studio.

Source:Bonaccio M, Di Castelnuovo A, De Curtis A et al. Adherence to the Mediterranean diet is associated with lower platelet and leukocyte counts: results from the Moli-sani study. Blood. 2014 Mar 31