|

martedì 15 settembre 2020

Perché il covid è peggiore negli obesi, anche giovani

L’obesità è un fattore di rischio indipendente di malattia

PATOLOGIA
Immagine refertoDall'inizio della pandemia, dozzine di studi hanno riportato che molti dei pazienti malati con COVID-19 erano persone con obesità. Nelle ultime settimane, quel collegamento è diventato più nitido poiché ampi studi sulla popolazione hanno cementato l'associazione e dimostrato che anche le persone che sono semplicemente in sovrappeso sono a rischio più elevato. 

Ad esempio, nella prima metanalisi di questo tipo, pubblicata il 26 agosto su  Obesity Reviews , un team internazionale di ricercatori ha raccolto dati da decine di articoli sottoposti a revisione paritaria che hanno considerato 399.000 pazienti. Hanno scoperto che le persone con obesità, che hanno contratto la SARS-CoV-2, avevano il 113% in più di probabilità rispetto alle persone di peso sano di ricovero in ospedale, il 74% in più di probabilità di essere ricoverate in terapia intensiva e il 48% in più di probabilità di morire.

Una costellazione di fattori fisiologici e sociali guida quei numeri cupi. La biologia dell'obesità include la ridotta immunità, l'infiammazione cronica e il sangue incline a coagulare, situazioni che possono peggiorare il COVID-19.

Le persone con obesità hanno maggiori probabilità rispetto alle persone di peso normale di avere altre malattie che sono fattori di rischio indipendenti per COVID-19 grave, tra cui malattie cardiache, malattie polmonari e diabete. Sono anche inclini alla sindrome metabolica, in cui i livelli di glicemia, i livelli di lipidi o entrambi non sono sani e la pressione sanguigna può essere alta. 

Un recente studio della Tulane University su 287 pazienti COVID-19 ospedalizzati ha scoperto che la stessa sindrome metabolica aumenta sostanzialmente i rischi di ricovero in terapia intensiva, ventilazione e morte.

Il più grande studio descrittivo mai condotto su pazienti COVID-19 ospedalizzati negli Stati Uniti, pubblicato come preprint il mese scorso dai ricercatori di Genentech, ha rilevato che il 77% di quasi 17.000 pazienti ospedalizzati con COVID-19 erano in sovrappeso (29%) o obesi (48%). 

Un altro studio ha valutato il tasso di ricoveri COVID-19 tra più di 334.000 persone in Inghilterra. Pubblicato il mese scorso negli  Atti della National Academy of Sciences, ha rilevato che, sebbene il tasso abbia raggiunto il picco nelle persone con un BMI di 35 o superiore, ha iniziato a salire non appena qualcuno è entrato nella categoria del sovrappeso. 

Le patologie fisiche che rendono le persone con obesità vulnerabili al COVID-19 grave iniziano con la meccanica: il grasso addominale spinge verso l'alto sul diaframma, facendo sì che quel grande muscolo, che si trova sotto la cavità toracica, comprima i polmoni e limiti il ​​flusso d'aria. Questo volume polmonare ridotto porta al collasso delle vie aeree nei lobi inferiori dei polmoni, dove arriva più sangue per l'ossigenazione rispetto ai lobi superiori. 

Altri problemi possono coesistere: ad esempio, il sangue delle persone con obesità ha una maggiore tendenza a coagulare, un rischio particolarmente grave durante un'infezione che, se grave, in modo indipendente colpisce i piccoli vasi polmonari con coaguli.  L'immunità si indebolisce anche nelle persone con obesità, in parte perché le cellule adipose si infiltrano negli organi in cui vengono prodotte e immagazzinate le cellule immunitarie, come la milza, il midollo osseo e il timo.

Il problema non è solo un minor numero di cellule immunitarie, ma anche che sono meno efficaci.

Oltre a una ridotta risposta alle infezioni, le persone con obesità soffrono anche di infiammazioni croniche di basso grado. Le cellule adipose secernono diversi messaggeri chimici che innescano l'infiammazione chiamati citochine e altri provengono da cellule immunitarie chiamate macrofagi che penetrano per ripulire le cellule adipose morte e morenti. Questi effetti possono aggravare l'attività incontrollata delle citochine che caratterizza il COVID-19 grave. 
 

Author:M. Wadman

Source:Science