|

giovedì 16 gennaio 2014

Sovrappeso femminile, quale rapporto con il lavoro?

Secondo una recente indagine olandese, il trend nella diffusione del sovrappeso femminile ha riguardato specifiche categorie professionali.

LIFE STYLE
sovrappeso femminile

Come ha interessato la popolazione adulta femminile la diffusione del sovrappeso? Si può parlare di una ripartizione omogenea nelle differenti categorie sociali?

La risposta, negativa, giunge da un recente studio multicentrico internazionale coordinato dai ricercatori olandesi dell’Erasmus Medical Center di Rotterdam, il quale ha fornito una panoramica globale della diffusione dei disordini del peso corporeo tra la popolazione femminile adulta, rilevando una disparità piuttosto marcata nell’incidenza del disordini in accordo alla categoria lavorativa.

L’analisi ha valutato soprattutto l’evoluzione del fenomeno nei paesi a basso e medio reddito nei quali si sono verificati i più marcati cambiamento a livello sociale.

Lo studio è stato possibile grazie ai dati antropometrici registrati tra il 1992 e il 2009 relativi a 248925 donne di età compresa tra 25 e 49 anni provenienti da quattro regioni del mondo (Nepal, Egitto, America Latina e Caraibi e Africa Sub-Sahariana), ai quali si aggiungevano informazioni dettagliate sull’occupazione lavorativa, il livello di educazione ed altri dati demografici.

I ricercatori hanno potuto riscontrare che in tutte e quattro le aree geografiche considerate le donne coinvolte in lavori agricoli presentavano la minore incidenza del sovrappeso mentre quelle attive nel settore professionale, tecnico, e manageriale presentavano la più alta incidenza.

Tuttavia, nonostante l’incidenza del sovrappeso crescesse in tutte le categorie lavorative e in tutte le regioni in modo piuttosto simile, le lavoratrici coinvolte nel settore agricolo e della produzione presentavano il maggior aumento, mentre coloro nelle classi lavorative più alte presentavano il minore aumento dell’incidenza del disordine.

Lo studio ha quindi delineato una situazione piuttosto allarmante con rispetto alla diffusione del sovrappeso nella popolazione femminile, soprattutto se si considera che nelle regioni analizzate, la maggior parte delle donne è coinvolta in lavori di tipo agricolo o produttivo e quindi si prospetta un onere sempre più grave per i sistemi sanitari di questi paesi richiesto per la gestione delle complicazioni associate al sovrappeso e all’obesità. 

Source:S Lopez-Arana, M Avendano, F J van Lenthe and A Burdorf Trends in overweight among women differ by occupational class: results from 33 low- and middle-income countries in the period 1992–2009 International Journal of Obesity (2014)