|

martedì 16 gennaio 2018

Dieta proteica, cuori sani

Si, ma quante proteine?

Ricerca Clinica e di Base
imm2Le diete ad alto contenuto proteico (HP) hanno dimostrato benefici nel ridurre markers cardiometabolici come l'insulina o i trigliceridi, ma i meccanismi responsabili sono ancora oggetto di molti studi.
Un gruppo di ricercatori spagnoli ha valutato l'effetto di tre diete ipocaloriche con diversi contenuti proteici (20%, 27% e 35%; ~ 80% proveniente da fonti animali) sulla concentrazione di adipochina nel plasma e sulla sua associazione con i cambiamenti nei marcatori cardiometabolici.
 
I medici hanno arruolato nel trial settantasei donne (BMI 32,8 ± 2,93) che sono state randomizzate a una delle tre diete a ridotto contenuto calorico, con diverso apporto proteico pari a 20%, 27% o 35%; carboidrati, 50%, 43% o 35%; e grasso, 30%, per 3 mesi. Sono stati valutati i livelli plasmatici di adipochina (leptina, resistina, adiponectina e proteina legante il retinolo 4- RBP4).
La proteina legante il retinolo 4 (RBP4), precedentemente chiamata proteina legante il retinolo (RBP), è considerata un carrier specifico del retinolo nel sangue. È anche una adipochina implicata nella fisiopatologia della resistenza all'insulina.
L'RBP4 sembra essere correlato con i marcatori cardiometabolici nelle malattie croniche infiammatorie, tra cui obesità, diabete di tipo 2, la sindrome metabolica e le malattie cardiovascolari (CVD). È stato recentemente suggerito che l'infiammazione prodotta da RBP4 induca insulino-resistenza e CVD.
Per approfondire, è a disposizione una revisione sulla associazione di RBP4 con i marcatori di infiammazione, lo stress ossidativo e le malattie cardiovascolari, nonché sul ruolo della dieta e degli antiossidanti nella riduzione delle concentrazioni di RBP4.
 
Tornando allo studio, dopo 3 mesi di dieta, la concentrazione di leptina è diminuita in tutti i gruppi senza differenze tra loro, mentre i livelli di resistina sono rimasti invariati, così come la concentrazione di adiponectina.
 
RPB4 è diminuita significativamente di -17,5% (-31,7, -3,22) nelle donne a dieta con il 35% i proteine (P per la tendenza = 0,024 tra le diete). Nello stesso gruppo, i trigliceridi sono migliorati indipendentemente dalla perdita di peso.
La variazione di RBP4 ha influenzato significativamente la variazione della concentrazione di trigliceridi del 24,9% e del 25,9%  nelle diete con il 27% e il 35% di proteine se confrontate con la proteica del 20%.
 
Una dieta proteica al 35% ha indotto una diminuzione di RBP4 indipendentemente dalla perdita di peso, cambiamento direttamente associato al miglioramento della concentrazione di trigliceridi.
 
Questi risultati suggeriscono che le diete HP migliorano il profilo cardiometabolico, almeno in parte, attraverso i cambiamenti nella secrezione di adipochina.
 

Autori: Mateo-Gallego R, Lamiquiz-Moneo I, Perez-Calahorra S, Marco-Benedí V, Bea AM, Baila-Rueda L, Laclaustra M, Peñalvo JL, Civeira F, Cenarro A.
Fonte: Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2017 Nov 4. pii: S0939-4753(17)30264-8.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29329923
 
Dietosystem®, divisione nutrizionale di DS Medica, La informa che è in linea il nuovo aggiornamento della piattaforma web DIETA COMBINATA® con due importanti novità:
1. Il protocollo passa da 3 a 5 fasi
Il nostro progetto di dieta chetogenica si evolve alla luce della valutazione clinica effettuata su 500 pazienti trattati con la dieta chetogenica. 
Il protocollo passa da 3 a 5 fasi, aggiungendo due fasi di transizione finalizzate al progressivo consolidamento del calo ponderale e al miglior mantenimento della massa magra. Il protocollo DIETA COMBINATA®, dopo la fase d'attacco prevede una più controllata reintroduzione dei carboidrati, questo consentirà, per leggeri problemi di sovrappeso, di procedere come di consueto nel trattamento in tre fasi mentre, per sovrappeso importante e obesità, di gestire in un più ampio lasso di tempo il raggiungimento dell'obiettivo ponderale.

2. La nuova linea di alimenti PROTEOFOOD
Da oggi il sistema dietetico si arricchisce di una nuova linea di prodotti VLC (Very Low Carb), come sempre di esclusiva prescrizione del Nutrizionista. La linea di alimenti PROTEOFOOD unitamente alla linea di integratori alimentari e alla personalizzazione dietetica, garantisce, sin dalle fasi più restrittive del protocollo DIETA COMBINATA®, un riequilibrio metabolico nutrizionale con una maggiore compliance del paziente. 
Grazie alla formulazione nutrizionale ad elevato contenuto proteico e bassissimo apporto glucidico, la linea PROTEOFOOD offre una gamma di alimenti dolci e salati, da integrare nel protocollo DIETA COMBINATA®, garantendo il corretto equilibrio nutrizionale nell'ambito della dieta chetogenica.
L'utilizzo degli alimenti PROTEOFOOD è discrezionale per il Nutrizionista ma soddisfa una necessità del paziente che richiede il consumo di alimenti dolci e salati ai pasti principali o nella prima colazione.Gli alimenti della linea PROTEOFOOD garantiscono nelle diverse fasi del dimagrimento una completa riabilitazione del metabolismo al corretto utilizzo dei carboidrati.

Per saperne di più su Proteofood
Per saperne di più su Integro

Affidati a chi ha 40 anni di esperienza nel trattamento dei pazienti obesi.
Se nutrizionista, puoi acquistare direttamente on line dallo store. Clicca qui.