|

martedì 17 gennaio 2012

Più patate per gli ipertesi?

Anche i cardiopatici ipertesi possono mangiare patate tutti i giorni? Forse sì, con molta attenzione a qualità, quantità e tipo di cottura.

IPERTENSIONE
Patate

In uno studio crossover 18 soggetti ipertesi con un BMI medio di 29 sono stati trattati aggiungendo alla dieta abituale 6-8 piccole patate cucinate nel forno a microonde (pigmentate di colore viola) due volte al giorno e per 4 settimane, e successivamente con la dieta senza patate per altre 4 settimane. 

 

Si è così evidenziato che il consumo quotidiano di patate non aveva alcun effetto significativo  sulla glicemia a digiuno, sui livelli plasmatici di HbA1c e sul quadro lipidico. Inoltre, non si poteva notare alcun significativo aumento del peso corporeo. La pressione diastolica era, invece, significativamente diminuita del 4,3% (una riduzione di 4 mm) e la sistolica era diminuita del 3,5%, (circa 5 mm). Tra l’altro, è da notare che 14/18 soggetti stavano assumendo farmaci antipertensivi. 

 

In sintesi questo primo studio sulle patate viola ha dimostrato che queste possono essere introdotte nelle diete degli ipertesi anche se questi sono in sovrappeso.

 

Fonte:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22224463

J Agric Food Chem. 2012 Jan 5. [Epub ahead of print]

High antioxidant potatoes: Acute in vivo antioxidant source and hypotensive agent in humans after supplementation to hypertensive subjects.