|

martedý 17 maggio 2016

La dieta che ci sta a cuore

Mangiare mediterraneo fa bene al cuore

NUTRIZIONE
imm1In un trial di prevenzione secondaria in più di 15.000 pazienti ad alto rischio con malattia coronarica stabile, il consumo di cibi fritti e bevande zuccherate tipico della dieta "occidentale" non ha aumentato il rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori. La dieta mediterranea classica invece il rischio lo ha ridotto nei 3.7 anni di follow-up!

L'aderenza al tradizionale modello alimentare mediterraneo con cereali integrali, frutta, verdura, legumi, pesce e meno carne è stato associato a eventi cardiovascolari inferiori.  Per i pazienti con un punteggio dieta mediterranea (MDS)> 12, un aumento di 1 punto in MDS è stato associato ad un minor rischio di eventi cardiovascolari che è rimasto significativo dopo aggiustamento completo e coerente in diverse regioni geografiche e sottogruppi pre-specificati di pazienti.

Al contrario, non vi era alcuna associazione tra aumento di punteggio della dieta occidentale (WDS) e eventi.

I dati non devono essere fraintesi, non è che ai pazienti con malattia coronarica si può dare via libera a un’alimentazione poco sana! Il discorso è un altro: bisogna dare le indicazioni verso una sana alimentazione, che sembra essere protettiva!

I 15.482 partecipanti hanno compilato un semplice questionario di frequenza auto-somministrato in cui hanno riportato quante volte nel corso di una settimana tipo hanno consumato alimenti comuni e alcol. I partecipanti provenivano da 39 paesi nell’ambito dello studio Stability.

Un punteggio di aderenza alla dieta mediterranea (MDS) è stato calcolato sulla base dell’aumento del consumo di cereali integrali, frutta, verdura, legumi, pesce e alcol e per meno consumo di carne; una 'dieta a punteggio occidentale' (WDS) è stata definita per aumento del consumo di cereali raffinati, dolci e dessert, bevande zuccherate e cibi fritti. I grassi alimentari non sono stati inclusi in entrambi i punteggi quindi nulla si sa sull’effetto dei grassi saturi dalla dieta.

L'età media dei pazienti era di 64,2 anni e il 81,1% era di sesso maschile.

Il più basso rischio di morte, infarto miocardico e ictus per i pazienti con un alto MDS suggerisce che gli alimenti come frutta e verdura, pesce e consumo di alcol modesto hanno un effetto protettivo ma la maggior parte dei pazienti con malattia coronarica stabile a livello globale non mangia abbastanza di questi alimenti per ottenere questo beneficio.

Il beneficio della dieta è spesso sottovalutato dai cardiologi, nonostante le prove da studi recenti, come PREDIMED che mostrano una riduzione del 30% degli eventi cardiovascolari in pazienti ad alto rischio di malattia coronarica che ha seguito una dieta mediterranea integrata con olio extravergine di oliva o frutta a guscio mista.

Al basale, la maggior parte dei pazienti erano in terapia antipertensiva e circa il 97% stavano assumendo una statina.

Insomma, sia in prevenzione primaria che in prevenzione secondaria la dieta mediterranea è vincente e sana.

Conoscete la Suite nutrizionale DietoSystem? Da circa 40 anni Dietosytem accompagna il lavoro del nutrizionista con soluzioni professionali e sempre all’avanguardia.

Contattaci per saperne di più

Ora vi diamo l'opportunità di utilizzare il completo protocollo diagnostico – terapeutico in modalità pay for use, acquistando esclusivamente le elaborazioni di cui si ha necessità attraverso la Dieta On Demand.
Questa modalità è consigliata ai professionisti che vogliono offrire la miglior soluzione nutrizionale per il trattamento dei disturbi ponderali e di oltre 600 condizioni fisiopatologiche senza dover sostenere alcun investimento.
Particolarmente indicata anche nell'avviamento della propria attività libero professionale o nel completamento dell'offerta ai propri pazienti.

Guarda qui tutti i vantaggi di Dieta On Demand!
 


Autori:  Stewart RA, Wallentin L, Benatar J, Danchin N, Hagström E, Held C, Husted S, Lonn E, Stebbins A, Chiswell K, Vedin O, Watson D, White HD; STABILITY Investigators.
Fonte:  Eur Heart j. 2016 Apr 24. pii: ehw125. [Epub ahead of print]
Link della fonte:   https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27109584