|

martedý 17 maggio 2016

Latte a colazione per gli obesi

Ne migliora il profilo metabolico

NUTRIZIONE
imm4La nutrizione è il principale fattore ambientale che influenza il rischio di patologie come l'obesità. Sebbene un certo numero di recensioni individuino un effetto protettivo del latte sul peso corporeo, una stima imprecisa del latte potrebbe contribuire ad ostacolare i suoi effetti benefici sulla salute. I diari alimentari di sette giorni forniscono dati prospettici di assunzione di cibo, riducendo i bias e fornendo dettagli in più sui prodotti alimentari specifici. L’assunzione di latte stimola l'asse somatotropo a più livelli, aumentando l’escrezione sia dell'ormone della crescita (GH) che del fattore di crescita 1 (IGF-1) insulino-simile.

D'altra parte, l'obesità è associata ad una ridotta secrezione di GH (sia spontanea che indotta) e ridotti livelli basali di IGF-1.

Uno studio osservazionale tutto italiano condotto su 281 soggetti adulti (200 donne e 81 uomini, di età compresa 18-74 anni) con obesità moderata-grave (BMI 35.2-69.4 kg / m2) ha valutato il consumo di latte utilizzando il software Terapia Alimentare Dietosystem su 7 giorni in individui obesi e ha indagato l'associazione tra assunzione di latte e secrezione di GH in questi soggetti.

Sono state determinate le misure antropometriche, il profilo biochimico e l'asse GH / IGF-1.

La maggior parte degli individui (72,2%) ha riferito di consumare latte; 250 ml di latte a basso contenuto di grassi è stato il più frequente, nessun soggetto consumava latte intero.

I consumatori di latte vs non consumatori di latte hanno presentato misure antropometriche e profilo metabolico migliore.

Dopo aggiustamento per indice di massa corporea, età e sesso, il consumo di latte è stato associato a miglior GH.

In particolare, tra i consumatori di latte, i soggetti che consumano latte parzialmente scremato vs latte scremato hanno presentato misure antropometriche e profilo metabolico migliore e presentano un profilo di GH migliore.
Lo studio ha messo in evidenza una nuova associazione positiva tra consumo di latte, GH e profilo metabolico nei soggetti obesi.

Indipendentemente dai meccanismi patogenetici, questa nuova associazione potrebbe essere rilevante in un contesto in cui gli individui obesi comunemente saltano la prima colazione e suggerisce la necessità di una collaborazione crescente tra nutrizionisti ed endocrinologi nella gestione dei pazienti obesi.

Leggi tutto l’articolo qui.

Oggi la Diagnostica Funzionale rappresenta il più aggiornato sistema per l'analisi delle informazioni sul paziente e garantisce il successo della Terapia Alimentare Dietosystem®. Le indagini per la valutazione dello stato nutrizionale Dietosystem® (anamnesi alimentare, screening psicometrici, antropometria e impedenziometria) utilizzano software e medical device semplici nell'uso ma tecnologicamente molto innovativi, con un occhio particolare alla completezza dei referti, alla loro comprensibilità e alla capacità di essere uno strumento indispensabile in supporto al professionista. Una diagnosi funzionale che mette al centro il paziente nella globalità dei suoi disturbi e dei malesseri, declinata in ogni fase della relazione medico-paziente per migliorare costantemente la sua compliance e quindi garantire il raggiungimento dei risultati.



Autori:  Barrea L, Di Somma C, Macchia PE, Falco A, Savanelli MC, Orio F, Colao A, Savastano S. 
Fonte: Clin Nutr. 2015 Dec 18. pii: S0261-5614(15)00345-3. doi: 10.1016/j.clnu.2015.12.007. [Epub ahead of print]
Link della fonte: http://www.clinicalnutritionjournal.com/article/S0261-5614(15)00345-3/pdf