|

martedì 17 settembre 2019

Chetogenica anti-Alzheimer

La chetosi dietetica fa bene al cervello

Ricerca Clinica e di Base
imm3I trattamenti attualmente disponibili per la malattia di Alzheimer (AD) hanno un'efficacia minima e non ci sono trattamenti comprovati per il suo prodromo, la compromissione cognitiva lieve (MCI).

L'eziologia dell'AD non è ben compresa e varie ipotesi sulla patogenesi della malattia sono attualmente in studio.

Un segno distintivo coerente nei pazienti con AD è la riduzione dell'utilizzo del glucosio cerebrale; tuttavia, l'evidenza suggerisce che il metabolismo dei chetoni cerebrali rimane intatto, quindi, vi è un grande interesse per il potenziale valore delle terapie che inducono i chetoni per il trattamento di AD.

Una recente revisione ha discusso approcci e meccanismi dietetici chetogenici attraverso i quali sia possibile un beneficio terapeutico.

Se i trattamenti chetogenici influenzano i sintomi dell'AD attraverso il ripristino della bioenergetica, la modulazione diretta e indiretta dei percorsi antiossidanti e di infiammazione, o entrambi, l'evidenza preliminare positiva suggerisce che è giustificato un ulteriore studio della chetosi dietetica come trattamento che modifica la malattia nell'AD.

Nel 1921, Rollin Turner Woodyatt notò che oltre alla fame, i corpi chetonici erano un prodotto di "una percentuale troppo bassa di carboidrati e una percentuale troppo alta di grassi" nella dieta. Lo stesso anno, il Dr. Russell Wilder riferì che la dieta chetogenica (KD) aveva migliorato con successo il controllo delle crisi epilettiche in 3 pazienti epilettici  e aveva il potenziale per una maggiore aderenza, superando lo svantaggio della vera fame durante il digiuno a lungo termine. Nel corso dei due decenni successivi, KD fu comunemente usato nel trattamento dell'epilessia, ma presto declinò in un banale utilizzo nell'avvento dei farmaci antiepilettici (DAE) alla fine degli anni '30 e '40.

L'interesse è cresciuto a metà degli anni '90 dopo che Charlie Abrahams è riuscito a usare la dieta chetogenica per curare la sua epilessia, che è stata ampiamente riportata dai media e adattata in un film.

Da allora, la letteratura scientifica ha registrato un'enorme crescita nel rapporto sulla KD come terapia nell'epilessia ed è stato istituito come trattamento più diffuso nelle cliniche di tutto il mondo. I ricercatori hanno dimostrato un crescente interesse nell'uso del KD come terapia in condizioni neurodegenerative e metaboliche, cancro e persino come un potenziatore delle prestazioni nell'atletica.

Il KD è una dieta ipocalorica a basso contenuto di carboidrati che induce la produzione corporea di chetoni imitando il digiuno.

KD non richiede l'astinenza dal cibo per la sintesi del corpo chetonico, e ha il vantaggio di fornire substrato di energia esogena, riducendo sostanzialmente la necessità di convertire le riserve di energia endogena in substrato per la bioenergetica cellulare.
La restrizione dei carboidrati di una KD impedisce l'aumento post-prandiale dell'insulina circolante, a sua volta segnalando la sovraregolazione della carnitina palmitoiltransferasi (CPT) per facilitare la traslocazione degli acidi grassi nei mitocondri per la β-ossidazione e la sintesi del corpo chetonico. Sia gli acidi grassi derivati ​​esogeni che quelli endogeni sono preferibilmente destinati a questo scopo.

 Sembra che la concentrazione di corpi chetonici circolanti possa essere potenziata sia aumentando l'assunzione di grassi (cioè fornendo una quantità maggiore del substrato direttamente convertito in corpi chetonici) sia riducendo l'assunzione di carboidrati (cioè riducendo la domanda di energia soddisfatta attraverso processi metabolici glicolitici, riduzione della segnalazione di insulina e aumento della domanda di corpi chetonici per soddisfare le esigenze bioenergetiche).
 
Sono per ora tre gli studi positivi sulla KD nell’AD, due dei quali sono stati riportati negli ultimi 2 anni.

In uno, 23 pazienti con MCI sono stati randomizzati a un intervento dietetico a basso contenuto di carboidrati (5-10% di energia, n = 12) o alto contenuto di carboidrati (50% di energia) per 6 settimane. In sostanza, il gruppo a basso contenuto di carboidrati ha raggiunto una dieta ipocalorica a basso contenuto di carboidrati riducendo con successo l'assunzione di carboidrati (190 g ± 56-34 g ± 14) e l'apporto energetico totale (1762 ± 481-1042 ± 347). Il gruppo ad alto contenuto di carboidrati non ha avuto cambiamenti significativi nell'assunzione di energia e macronutrienti. All'interno del gruppo a basso contenuto di carboidrati, è stata osservata la traccia di chetosi urinaria (5,4 mg / dL), riduzione della concentrazione di insulina a digiuno e miglioramento dei punteggi della memoria verbale dal basale alla settimana 6.

Un altro studio ha valutato KD di 3 mesi in pazienti con diagnosi di AD (energia: 70-75% di grassi, 5-10% di carboidrati e 20-25% di proteine) con un elevato apporto di verdure non amidacee, avocado e noci e semi. I partecipanti conformi al protocollo hanno avuto un miglioramento medio ADAS-Cog di 5,3 punti. Dopo una sospensione di 1 mese del KD, il punteggio medio ADAS-Cog è regredito al livello basale.

Recentemente un altro gruppo ha riportato i risultati preliminari di 14 partecipanti in uno studio di fattibilità di 27 persone della durata di 12 settimane della dieta Atkins modificata in pazienti con MCI e AD precoce. I risultati denotano una leggera tendenza al miglioramento della memoria composita nel gruppo in chetogenica e un leggero declino nel gruppo a dieta “sana” equilibrata. Solo i partecipanti positivi alla chetosi alla settimana 6 hanno mostrato punteggi significativamente migliorati nella memoria composita nello stesso punto temporale rispetto al basale, mentre gli individui non aderenti hanno mostrato un declino della memoria composita. A 12 settimane, entrambi i gruppi hanno avuto un lieve miglioramento non significativo della memoria composita.
 

Autori: Matthew K. Taylor ,Russell H. Swerdlow , Debra K. Sullivan
Fonte: Nutrients 2019, 11(8), 1910; https://doi.org/10.3390/nu11081910
Link della fonte:  https://www.mdpi.com/2072-6643/11/8/1910/htm