|

martedì 17 dicembre 2019

Tutti a dieta o dieta per tutti?

Poche calorie, tanta salute

NUTRIZIONE
Immagine kcalE’ assodato, la restrizione calorica (CR) aumenta la longevità negli animali e riduce anche il rischio di diabete, malattie cardiovascolari e cancro negli esseri umani senza obesità!

Si ipotizza che questi effetti favorevoli possano essere correlati a una riduzione del metabolismo, una riduzione della temperatura interna e una riduzione della triiodotironina (T3), un ormone tiroideo. 

Difficile dire se la CR possa prolungare la vita, ma si possono condurre studi di lunghezza intermedia per determinare la sicurezza, la tollerabilità e la fattibilità della CR e i suoi effetti sullo sviluppo di malattie croniche e sui biomarcatori correlati alla longevità. 

Ad esempio, uno studio recente ha esaminato gli effetti della CR del 25% sulla qualità della vita correlata alla salute (QOL) negli individui senza obesità. Lo ha fatto in 218 partecipanti di età compresa tra 20 e 50 anni con un indice di massa corporea (BMI) compreso tra 22 e 28 kg/m2 che hanno risposto a questionari validati per misurare l'umore, la qualità della vita, lo stress, il sonno e la funzione sessuale prima e dopo la randomizzazione a una CR del 25% o ad assunzione abituale di energia ad libitum (AL). Lo studio è durato 2 anni.

Nonostante più di 50 sessioni di consulenza individuale e di gruppo, il grado di CR per la maggior parte dello studio era solo del 10% o < 250 kcal / giorno. I partecipanti hanno raggiunto il più alto CR (19,5%) nei primi 6 mesi, quando gli interventi sono stati più intensi.

L'obiettivo di una CR del 25% non è stato raggiunto ed è diminuito dal 15,2% all'11,9% rispettivamente nei mesi 12 e 24. Ciò ha comunque comportato una perdita di 7,6 kg (10,4% del peso corporeo) per il gruppo CR rispetto a nessuna significativa perdita di peso (0,4 kg) nel gruppo LA a 24 mesi.

Il gruppo CR ha sperimentato un miglioramento dell'umore, della tensione, della salute generale, della funzione sessuale e della durata del sonno dal basale al mese 24.

Tra i partecipanti che erano in sovrappeso, il gruppo LA ha documentato un peggioramento dei punteggi della depressione rispetto al gruppo CR.

Non è stato analizzato se il miglioramento della qualità della vita fosse dipendente dalla perdita di peso.

Si potrebbe concludere da questo studio che tutti dovremmo modificare le nostre abitudini alimentari, indipendentemente dalla nostra salute o dal nostro stato di peso. Ma siamo sicuri che una riduzione calorica di < 250 calorie / giorno, l'equivalente di una brioche alla crema o una manciata di patatine, sia un'impresa impossibile? Oppure, dovremmo allontanarci dalla nostra ossessione per il conteggio delle calorie e concentrarci invece sulla qualità del cibo che mangiamo?

Non si sa quale grado di CR sia necessario per ottenere miglioramenti nella QOL correlata alla salute, ma è chiaro che richiede un supporto straordinario.
 

Autori: W. Scott Butsch Fatima Cody Stanford
Fonte: Evid Based Med. 2017 Mar; 22(1): 33.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6345640/