|

martedì 18 febbraio 2014

Fonti alimentari di Vitamina D: nessun ruolo nel diabete

L’apporto di vitamina D con la dieta non modificherebbe in modo significativo il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. L’evidenza da studio tedesco.

NUTRIZIONE
vitamina D diabete tipo 2

L’assunzione di vitamina D attraverso l’alimentazione non contribuirebbe in modo statisticamente significativo a modificare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.I livelli del pre-ormone assimilati con la dieta sembrano infatti contribuire solo in modo minimo allo status complessivo della vitamina nell’organismo.

È questa la conclusione alla quale sono giunti i ricercatori dell’istituto di epidemiologia di Neuherberg, i quali hanno potuto trarre questo risultati in seguito all’analisi delle associazioni tra le abitudini alimentari e l’incidenza del disordine metabolico in un vasto campione di individui arruolati nello studio European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC)-InterAct.

Nell’analisi, infatti, l’assunzione della vitamina attraverso la dieta nell’arco di 10 anni non sembrava correlare in alcun modo con il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I livelli endogeni della vitamina D sembrano essere effettivamente correlati al rischio del diabete di tipo 2, come emerso da una serie di studi prospettici.

Tuttavia, non è chiara la fonte del composto che contribuisce in modo sostanziale ai suoi livelli biologici. Il presente studio sembra avere quindi screditato l’alimentazione come fonte principale della vitamina D, a favore della sintesi endogena che avviene nella cute come conseguenza dell’esposizione alla luce solare.

Source:S Abbas, J Linseisen, S Rohrmann et al. Dietary vitamin D intake and risk of type 2 diabetes in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition: the EPIC-InterAct study European Journal of Clinical Nutrition (2014) 68