|

martedì 18 dicembre 2018

Un po’ di buon vino allunga la vita

E’ tempo di banchetti e libagioni. Un po’ di buon vino a tavola non può mancare

NUTRIZIONE
imm2In proposito Jean-Pierre  Rifler, ricercatore francese, ha pubblicato un’analisi delle conoscenze attuali. In questa revisione l’autore pone l’accento sugli effetti cardiovascolari del consumo moderato di vino, sostanzialmente mediati dal suo elevato contenuto in sostanze antiossidanti (polifenoli),  per proseguire sugli effetti energetici e sul potenziale effetto di allungamento della vita.

In altre parole si ribadisce l’efficacia dell’azione antiossidante del vino che è però esclusiva delle soluzioni alcoliche. Ovvero, il succo d’uva senza alcol - a detta dell’autore - non avrebbe alcuna di queste proprietà benefiche. In pratica è la piccola dose di alcol che consente la biodisponibilità dei polifenoli.

In conclusione, per Rifler, un consumo moderato di vino dopo i 50 anni, può allungare la vita. Bere meno e bere meglio per vivere più a lungo.

Leggi l’articolo originale in full text 


Fonte: Diseases. 2018 Nov 16;6(4). pii: E105. doi: 10.3390/diseases6040105. Is a Meal without Wine Good for Health?
Autori: Rifler JP
Link della fonte: https://www.mdpi.com/2079-9721/6/4/105/htm
 
A gennaio 2019 arriverà un aggiornamento importante della Suite Nutrizionale Dietosystem®, che coniuga l’analisi alimentarel’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico personalizzato con le novità della release 16 che contiene il nuovo modulo dedicato ad alcune malattie neurologiche in cui vi sono importanti implicazioni nutrizionali: Parkinson - Alzheimer - Epilessia. Vi sarà anche un nuovo modulo per il calcolo del rischio cardiovascolare.