|

martedì 19 aprile 2016

Microonde si o no?

Cottura a microonde e nutrizione

NUTRIZIONE
imm3Quasi in ogni casa c’è un forno a microonde. La convenienza che offrono è innegabile. Ma nonostante l'uso diffuso di forni a microonde e il loro livello di sicurezza eccellente, alcune persone hanno dubbi persistenti sulla cottura degli alimenti: le microonde potrebbero rendere in qualche modo il cibo meno sano eliminando i nutrienti. Cosa fa la cottura a microonde ai nutrienti? È sano il cibo cotto nel forno a microonde?

Capire come operano i forni a microonde può aiutare a chiarire la risposta a questa domanda che è più diffusa di quanto sembri.

I forni a microonde cucinano i cibi utilizzando onde di energia che sono simili alle onde radio, ma più brevi. Queste onde sono notevolmente selettive, interagiscono principalmente con l’acqua e altre molecole che sono elettricamente asimmetriche, ovvero con un'estremità caricata positivamente e l'altra caricata negativamente. Le microonde inducono queste molecole a vibrare e rapidamente e si forma energia termica che si traduce in calore.

Alcuni nutrienti vengono degradati quando sono esposti al calore, sia che si tratti di un forno a microonde sia in un forno normale. La vitamina C è forse l'esempio più chiaro. Ma poichè i tempi di cottura a microonde sono più brevi, la cottura a microonde meglio preserva la vitamina C e le altre sostanze nutritive sensibili.

Per quanto riguarda le verdure, la cottura in acqua li priva di alcuni dei loro valori nutritivi perché le sostanze nutritive percolano nell’acqua di cottura. Ad esempio, i broccoli bolliti perdono glucosinolati, composti contenenti zolfo che possono essere efficaci come antitumorali (così come il gusto che molti trovano distintivo e alcuni trovano disgustoso). La cottura a vapore delle verdure è meglio? In un certo senso, sì. Ad esempio, i broccoli al vapore contengono più glucosinolati dei broccoli bolliti o fritti.

Le verdure, praticamente in qualsiasi modo le si prepari, sono buone  e sane, e la maggior parte di noi non ne mangia abbastanza.

Il metodo di cottura che meglio conserva i nutrienti implica una cottura rapida, riscalda cibo per il breve lasso di tempo, e utilizza meno liquido possibile.

La cottura a microonde soddisfa tali criteri.

Utilizzando il forno a microonde si usa una piccola quantità di acqua e il vapore è prodotto per riscaldamento del  cibo dall'interno verso l'esterno.

Questo meccanismo mantiene più vitamine e minerali di quasi qualsiasi altro metodo di cottura.
 

Source:Harward