|

martedì 19 maggio 2020

Ossessione perfezione

La rialimentazione in anoressia, il recupero del peso ma non solo...

PATOLOGIA
Immagine anoressiaL'anoressia nervosa (AN) è una grave malattia psichiatrica associata ad un aumentato rischio di mortalità. L'AN si verifica principalmente durante l'adolescenza (prevalenza di circa l'1,7%). 

Un basso peso corporeo, la paura di ingrassare e un'alterazione dell'immagine corporea sono le caratteristiche principali. 

 Il ripristino del peso ottimale, è la chiave per evitare gravi complicazioni fisiche nella densità minerale ossea, nel sistema muscolo-scheletrico e nella crescita. Pertanto, il monitoraggio di questi sistemi durante il processo di rialimentazione è essenziale. 

Attualmente i programmi basati sul trattamento cognitivo comportamentale, insieme al supporto familiare, sembrano essere efficaci. Oltre alle cure ospedaliere, devono essere completati obiettivi aggiuntivi per facilitare un movimento verso il pieno recupero. Gli studi disponibili che esaminano i cambiamenti nella psicopatologia degli adolescenti con AN negli ambienti ospedalieri mostrano risultati contraddittori. Alcuni studi hanno trovato un miglioramento nella psicopatologia generale, mentre altri non hanno trovato cambiamenti nonostante il recupero del peso. Allo stesso modo, la ricerca sull'efficacia e sull'impatto degli interventi per AN dovrebbe includere la valutazione del disturbo dell'immagine corporea, oltre alle variazioni di peso e stabilità clinica.

Un gruppo di ricercatori spagnoli ha analizzato l'evoluzione clinica, psicopatologica, fisica e correlata al sonno degli adolescenti con anoressia nervosa di tipo restrittivo dopo 10 settimane di un programma ospedaliero diurno misurando composizione corporea, attività fisica e sonno prima e dopo 10 settimane di trattamento.

Hanno partecipato allo studio quattordici adolescenti con AN-R (14,3 ± 1,6 anni).

E’ stato riscontrato un miglioramento significativo nella composizione corporea (aumento della massa grassa, massa magra invariata). Non ci sono stati cambiamenti significativi in ​​psicopatologia, disturbi dell'immagine corporea o attività fisica. Per quanto riguarda il sonno, è stato riscontrato un aumento significativo della latenza notturna, e di conseguenza una riduzione significativa dell'efficienza del sonno.

A causa dei rapidi cambiamenti della maturazione, le caratteristiche del sonno nei giovani adolescenti devono essere interpretate con grande cautela e la cura del sonno deve essere inclusa nei programmi di trattamento acuto per gli adolescenti con AN-R.
 

Autori: Sofía M Martínez-Sánchez, Tomás E Martínez-García, Diego Munguía-Izquierdo
Fonte: Psychiatry Investig. 2020 Apr;17(4):366-373. doi: 10.30773/pi.2020.0016.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7176561/