|

martedì 19 dicembre 2017

Fame o appetito?

Appetito, stress e disturbi dell’alimentazione

PATOLOGIA
imm2Mangiare tardi è abitudine ormai comune e la sera per scaricare lo stress si tende a mangiare più del dovuto.
Non si sa molto su come l'ora del giorno e lo stress interagiscono per influenzare l'appetito e quindi il peso corporeo. Questi fattori  possono rivestire un ruolo particolarmente impostante negli obesi con disturbi alimentari.
 
Un gruppo di ricercatori americani ha coinvolto 16 pazienti obesi con (n = 16) e senza (n = 16) Binge Eating Disorder (BED - disturbo alimentare da alimentazione incontrollata) in due protocolli di test identici ma che partivano  in momenti diversi della giornata: la mattina o il pomeriggio (condizione AM / condizione PM).
In pratica, ciascun individuo dopo un digiuno di 8 ore, ha ricevuto un pasto liquido standardizzato (9:00 AM / 16:00 PM), quindi un test di stress (Socially-Evaluated Cold Pressor Test, 11:10 AM / 18:15 PM), seguito da un pasto a buffet misto ad libitum (11:40 AM / 18:40 PM). Nel corso dello studio si è valutato l'appetito, lo stress e le variazioni dei livelli ormonali nel sangue.
 
L'appetito al basale era maggiore nel gruppo PM rispetto alla condizione AM (fame più alta, pienezza inferiore).
A seguito dell’assunzione del primo pasto liquido, i valori di AUC per fame e grelina erano maggiori e i valori di AUC per PYY inferiori nei PM rispetto agli AM.
Solo gli obesi con BED hanno mostrato una AUC della pienezza inferiore nella condizione di PM. Gli obesi BED avevano inoltre livelli iniziali più elevati di grelina se nel gruppo PM rispetto a AM.
 
Dopo lo stress test, il cortisolo e la grelina sono aumentati sia in condizioni AM che PM, ma nei PM l’AUC della grelina era più elevata e AUC del cortisolo inferiore.
Ancora una volta, solo i partecipanti con BED hanno mostrato una AUC di pienezza inferiore nella condizione di PM.
L'assunzione di pasti a buffet era simile per tutti i gruppi e le condizioni, ma i partecipanti con BED riportavano una maggiore perdita di controllo rispetto a quelli senza BED (risultato piuttosto atteso).
 
I partecipanti del gruppo AM sono stati influenzati in modo meno forte da appetito e stress.
In questo senso il detto “Una colazione da re, un pranzo da principe ed una cena da povero” trova un ulteriore fondamento scientifico.
I ricercatori concludono che pomeriggio/ sera possono essere un periodo ad alto rischio di assunzione di cibo in eccesso, in particolare in persone esposte allo stress e per chi ha problemi di alimentazione.
 

Autori: Carnell S, Grillot C, Ungredda T, Ellis S, Mehta N, Holst J, Geliebter A.
Fonte: Int J Obes (Lond).2017 Dec 13. doi: 10.1038/ijo.2017.307..
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29235554
 
 
Per controllare la fame, la dieta chetogenica è l’ideale. Leggi qui.
Dietosystem ha formulato il protocollo dieta combinata proprio per il trattamento d’urto dell’obesità.
Propone Proteonorm, l’integratore a base di proteine del siero di latte di altissima qualità, equilibrate secondo le percentuali fisiologiche aminoacidiche e arricchite da Inosito­lo, Potassio, L-Citrullina, L-Ornitina, L-Carnitina, L-Cistina, Magnesio e Niacina.
Proteonorm è venduto in esclusiva ai nutrizionisti e ai loro pazienti su ricetta del nutrizionista.
E’ disponibile anche come Proteonorm Mousse, un dolce al cucchiaio proteico che spezza la fame e soddisfa il palato.

Proteonorm, nell’ambito del protocollo Dieta Combinata, aiuta a perdere peso e migliora la compliance dei pazienti.
 
Avete già utilizzato la piattaforma Dieta Combinata? Cliccando qui si può accedere gratuitamente alla piattaforma ed iniziare a compilare piani personalizzati.