|

mercoledì 20 gennaio 2016

Antiossidanti fanno buon sangue

Più la dieta ha livelli alti di antiossidanti, meno il sangue ha profilo aterogeno

NUTRIZIONE
imm3Sembra un’accezione banale, ma è semplicemente cosa assoldata nella comune opinione che la capacità antiossidante totale nella dieta (data dall’indice ORAC o più in generale TAC – total antioxidant capacity )sia inversamente associata con ictus, insufficienza cardiaca, e biomarker di infiammazione, cosa dimostrata tra l’altro da numerosi studi epidemiologici. In altre parole, se assumi antiossidanti sei protetto da infiammazioni e malattie cardiovascolari (CVD).

Tuttavia, gli studi sulla associazione di TAC, sia da dieta che da integratori, con i fattori di rischio per CVD nella popolazione degli Stati Uniti non sono molti.

E’ stato condotto uno studio trasversale basato sulla popolazione per rispondere proprio a questa domanda: la TAC influenza il rischio CVD? Se mangiamo sano, restiamo sani?

Si sono analizzati i dati provenienti da 4039 adulti statunitensi nel National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2007-2012. La TAC da entrambe le fonti, il cibo e gli integratori alimentari, è stata stimata sulla base delle risposte a 2 diari alimentari delle 24 ore.

Gli alimenti che contribuivano all’aumento della TAC erano il tè, i supplementi antiossidanti, il composto di verdure, il succo d'arancia, i frutti di bosco e il vino.

Gli individui che assumevano un supplemento antiossidante avevano TAC 1,6 volte superiore rispetto ai non utilizzatori.

Maggiore TAC è stata associata con trigliceridi ridotti, più alte HDL, miglior HOMA per la resistenza all'insulina, ridotta proteina C-reattiva (CRP) dopo aggiustamento per i potenziali confondenti.

Non c'era alcuna associazione significativa tra TAC e circonferenza vita, indice di massa corporea, pressione sanguigna, colesterolo LDL e totale e glicemia a digiuno.

I risultati di questo studio supportano l'ipotesi che una dieta ricca di antiossidanti e l’assunzione di integratori sono utili per ridurre il rischio cardiovascolare.
 

DS Medica/Dietosystem insieme ai maggiori esperti in materia ha sviluppato due nuove soluzioni gestionali: un protocollo diagnostico-terapeutico basato sulla PNEI, Pneisystem® , che si propone come una straordinaria innovazione nel campo delle diagnosi integrate e come moderna evoluzione del concetto di terapia, e DietO2System®, un protocollo terapeutico che supera la ripartizione delle calorie e dei principi nutritivi per applicare la “Ripartizione molecolare” a ogni atto alimentare.

Clicca qui per vedere la brochure di DietO2System

Clicca qui per vedere brochure di PneiSystem
 

Autori: Kijoon Kim, Terrence M. Vance e Ock K. Chun
Fonte:. Nutrients 20168(1), 15; doi:10.3390/nu8010015
Link della fonte:  http://www.mdpi.com/2072-6643/8/1/15