|

martedì 20 giugno 2017

Assunzione di sodio e acqua: il falso e il vero

Mangiare salato aumenta la sete...

NUTRIZIONE
imm4Generalmente, mangiare cibi salati aumenta la sete.

La sete è anche stimolata dall'infusione sperimentale di soluzione salina ipertonica. Ma, in stato stazionato, il rene necessita di una quantità maggiore di acqua per escludere il sodio in più?

Questo problema è ancora controverso.

Un gruppo francese del INSERM ha condotto una revisione degli studi basati su come il rene gestisce l'acqua in relazione all'assunzione di sale. Si basa sul riesame di studi precedentemente pubblicati in cui l'assunzione di sale è stata adeguata a diversi livelli diversi negli stessi soggetti e dai dati nelle banche dati di studi epidemiologici in popolazione con una dieta ad libitum.

Queste ri-analisi permettono di trarre le seguenti conclusioni:

(1) In una situazione di stato stazionario, il volume dell'urina (e quindi l'assorbimento di liquidi) rimane invariato per diverse quantità di assunzione di sodio. L'adattamento ad una maggiore escrezione di sodio poggia solamente sui cambiamenti nella concentrazione di sodio urinario. Tuttavia, al di sopra di un certo limite, questa concentrazione non può aumentare ulteriormente e quindi il volume urinario può aumentare.

(2) Negli studi di popolazione, non è legittimo supporre che il sodio sia responsabile dei cambiamenti nel volume delle urine, poiché le persone che mangiano più sodio mangiano anche di più in generale, assumono sostanza nutritive che portano ad un aumento dell'escrezione di potassio, urea e altri soluti, oltre che di sodio.

(3) Dopo un brusco aumento dell'assunzione di sodio, l'assunzione di liquidi aumenta nei primi giorni, ma il volume delle urine non cambia. Il liquido extra assunto è responsabile di un aumento del peso corporeo.
 



Autori: Bankir L, Perucca J, Norsk P, Bouby N, Damgaard M.
Fonte: Ann Nutr Metab. 2017;70 Suppl 1:51-61.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28614828


Per intervenire con una dieta, è fondamentale conoscerla composizione corporea del paziente da trattare.
DS Medica offre ai nutrizionisti diverse soluzioni.
Le trovate qui!