|

martedì 20 luglio 2021

La BIA multifrequenza per il grasso viscerale

Uno studio comparativo basato sul genere

Ricerca Clinica e di Base
Immagine pazienteLa risonanza magnetica permette la misurazione del grasso viscerale, ma ha dei limiti di praticità e costi importanti.

Uno studio recente ha quantificato il tessuto adiposo viscerale addominale (IVA) e il tessuto adiposo sottocutaneo (SAT) utilizzando la risonanza magnetica pesata in T2 (MRI) e ha valutato l'entità della sua concordanza con la superficie dell'IVA misurata da un dispositivo di analisi dell'impedenza bioelettrica (BIA) segmentale multifrequenza


Lo studio

L'IVA addominale e la SAT sono state determinate manualmente e semi-automaticamente sulla risonanza magnetica pesata in T2. La composizione corporea è stata valutata utilizzando la BIA. Sono state confrontate le differenze statistiche tra le aree IVA addominali definite dalla BIA, dalla risonanza magnetica manuale e semiautomatica. È stata valutata la correlazione tra tutti i metodi e sono state confrontate le differenze statistiche tra le aree definite IVA/SAT addominale in base al sesso.

I ricercatori hanno analizzato 165 immagini RM addominali pesate in T2 scattate per 55 soggetti adulti sovrappeso/obesi. VAT e SAT addominali ottenuti con la risonanza magnetica manuale e semiautomatica erano statisticamente differenti per tutti i soggetti.

L'IVA addominale media utilizzando la tecnica BIA è risultata correlata in modo significativo con l'IVA definita dalla risonanza magnetica ponderata in T2 manuale e semi-automatica.

L'IVA addominale era significativamente (P<0,001) diversa tra soggetti maschi e femmine.


Significato clinico

La segmentazione semiautomatica ha mostrato una correlazione significativa più forte con la BIA rispetto alla segmentazione manuale, il che implica una quantificazione più affidabile di VAT/SAT addominale. La BIA segmentale può servire come strumento di valutazione fattibile e conveniente per l'adiposità viscerale nei soggetti obesi.
 

Author:Entesar Dalah, Hayder Hasan, Mohammed Madkour, Abdulmunhem Obaideen, Moez Al-Islam Faris

Source:Acta Biomed. 2021 Jul 1;92(3):e2021078. doi: 10.23750/abm.v92i3.10060.