|

marted́ 20 novembre 2018

L’obesità ruba oltre 4 anni di vita

Analisi dei dati di oltre 3.6 milioni di persone

PATOLOGIA
imm4Che il BMI sia fortemente associato alla mortalità per tutte le cause è cosa ben nota, ma sono pochi gli studi che hanno considerato gli esiti di mortalità causa-specifici.

Lo ha fatto un gruppo di ricercatori con uno studio di coorte basato sulla popolazione, utilizzando i dati di cure primarie nel Regno Unito dal Clinical Practice Research Datalink (CPRD) legati ai dati nazionali di registrazione della mortalità.

Nell’analisi hanno incluso tutti gli individui con dati di BMI raccolti all'età di 16 anni in poi e con il successivo periodo di follow-up disponibile. Il follow-up è iniziato o con l’inizio della ricerca, al quinto anniversario del primo record di BMI, o il 1 ° gennaio 1998 (data di inizio dei dati di registrazione dei decessi) e si è concluso alla morte o l'8 marzo 2016. 

Sono state incluse 3 632 674 persone; i seguenti risultati provengono dall'analisi dei non fumatori, che comprendeva 1 969 648 persone e 188 057 decessi. 

Il BMI ha avuto un'associazione a forma di J con la mortalità complessiva; il rapporto di rischio stimato per aumento di 5 kg / m2 era 0,81 (95% CI 0,80-0,82) per BMI inferiore a 25 kg / m2 e 1,21  per soggetti sovrappeso e obesi

Il BMI era associato a tutte le categorie di cause di morte, ad eccezione degli incidenti legati ai trasporti, ma la forma dell'associazione variava. 

La maggior parte delle cause, tra cui il cancro, le malattie cardiovascolari e le malattie respiratorie, ha avuto un'associazione a forma di J con il BMI, con un rischio più basso compreso tra 21 e 25 kg / m2

Per le cause mentali e comportamentali, neurologiche e accidentali (non correlate al trasporto), il BMI era inversamente associato alla mortalità fino a 24-27 kg / m2, con scarsa associazione a BMI più alti; per le morti per autolesionismo o violenza interpersonale, è stata osservata un'associazione lineare inversa. 

Le associazioni tra BMI e mortalità erano più forti nelle età più giovani rispetto a quelle più anziane, e il BMI associato al più basso rischio di mortalità era più alto negli individui più anziani che negli individui più giovani

Rispetto agli individui di peso sano, l'aspettativa di vita dall'età di 40 anni è stata inferiore di 4,2 anni negli uomini obesi (BMI ≥30) e 3,5 anni nelle donne obese, 4,3 anni più breve nei soggetti sottopeso (BMI <18,5) e 4,5 anni nelle donne sottopeso. 

Quando i fumatori sono stati inclusi nelle analisi, i risultati per la maggior parte delle cause di morte erano sostanzialmente simili, sebbene siano state osservate associazioni leggermente più forti tra le persone con BMI inferiore.

Concludendo, la mole di dati riporta una associazione a forma di J tra BMI e mortalità generale e cause di morte più specifiche; il rischio di morte per cause mentali e comportamentali, neurologiche e esterne, era invece associato a un BMI inferiore.
 

Autori: Bhaskaran K, Dos-Santos-Silva I, Leon DA, Douglas IJ, Smeeth L.
Fonte: Lancet Diabetes Endocrinol. 2018 Oct 30. pii: S2213-8587(18)30288-2. doi: 10.1016/S2213-8587(18)30288-2.
Link della fonte: https://www.thelancet.com/journals/landia/article/PIIS2213-8587(18)30288-2/fulltext
 
Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, vi propone la Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione. 
La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.

Inoltre, per una dieta d’attacco, vi consigliamo il protocollo Dieta Combinata, che integra un piano alimentare fortemente ipoglucidico con le proteine del siero del latte per preservare la massa magra.