|

venerdì 21 febbraio 2014

Indice glicemico dei cibi, attenzione negli adolescenti

L’indice glicemico dei cibi costituisce un importante parametro alimentare e permette di predire le dinamiche corporee nello sviluppo degli adolescenti.

OBESITÀ INFANTILE
adolescenti

Attenzione all’indice glicemico dell’alimentazione negli adolescenti, questo parametro potrebbe infatti servire da indicatore del rischio di sviluppare disordini del peso corporeo durante la crescita.

La relazione, quasi lineare tra il valore dell’indice gicemico della dieta e l’accumulo di grasso corporeo nei giovani pazienti, è stata portata in luce da un recente studio inglese condotto presso il Northern Ireland Centre for Food and Health della University of Ulster.

L’indice glicemico rappresenta un indicatore utilizzato per misurare la velocità di digestione e assorbimento dei cibi contenenti carboidrati e il loro conseguente effetto sulla glicemia, cioè sui livelli di glucosio nel sangue.
 

Il valore dell’indice alimentare calcolato all’età di 12 anni rappresentava, infatti, un fattore di rischio indipendente per le dinamiche del contenuto corporeo di tessuto adiposo tra i 12 e i 15 anni di età.

Al contrario, il carico glicemico (glycemic load), cioè il parametro che stabilisce l’impatto sulla glicemia di un pasto glucidico in base al valore del suo indice glicemico, non presentava alcuna correlazione con le dinamiche antropometriche registrate nel campione di ragazzi.

Source:K Murakami, T A McCaffrey, A M Gallagher et al. Dietary glycemic index and glycemic load in relation to changes in body composition measures during adolescence: Northern Ireland Young Hearts Study International Journal of Obesity (2014)