|

martedì 21 febbraio 2017

Obesità osteosarcopenica

Una sindrome da prevenire

PATOLOGIA
imm4La sindrome da obesità osteosarcopenica (OSO) è una condizione che comprende osteopenia / osteoporosi, sarcopenia e obesità. E’ particolarmente deleteria negli adulti più anziani (anche se non sono obesi secondo le misure convenzionali), a causa della ridistribuzione del grasso e la sua infiltrazione nel tessuto osseo e muscolare. Osteoporosi e fratture ossee negli anziani aumentano il rischio di sarcopenia, la quale, attraverso la diminuzione della mobilità, aumenta il rischio di ulteriori cadute e fratture, creando un circolo vizioso. L’obesità svolge un duplice ruolo: in una certa misura, promuove l’aumento dei tessuti ossei e muscolari in risposta al carico meccanico; per contro, una maggiore adiposità è anche una fonte di citochine pro-infiammatorie e di altri fattori endocrini che impediscono il ricambio osseo e muscolare.

Con l’aumento dell’età, si rendono necessari i cambiamenti nello stile di vita atti a ritardare l'insorgenza di OSO, o impedirla. Tra questi cambiamenti, le abitudini alimentari e le modifiche della attività fisica sono i primi ad essere percorribili.
La dieta occidentale tipica (e stile di vita) promuove diverse malattie croniche, tra cui OSO, facilitando uno stato pro-infiammatorio, in gran parte tramite lo squilibrio nel rapporto tra acidi grassi omega-6 / omega-3 e ridotto consumo di fibre, a favore di un alto intake di alimenti trasformati.
Le modifiche nutrizionali per prevenire e / o alleviare la sindrome da OSO includono un adeguato apporto di proteine, calcio, magnesio e vitamina D e l’aumento dei consumi di alimenti che contengono omega-3 e fibre.
Alcuni tipi di attività fisica, che spesso si riducono nelle donne in sovrappeso / obese e negli anziani, potrebbero preservare ossa e muscoli, così come potrebbe essere d’aiuto la riduzione del grasso corporeo e di conseguenza la sua infiltrazione.
In conclusione, gli adulti più anziani che soffrono di sindrome da OSO possono beneficiare di sforzi congiunti per migliorare la dieta e l'attività fisica, e tali raccomandazioni dovrebbero essere promosse come parte di programmi di salute pubblica.
 
La possibilità di verificare la salute delle ossa oggi è possibile con MiniOmni, uno strumento non invasivo che, tramite gli ultrasuoni, quantifica il rischio di frattura nei vostri pazienti.
Qui ulteriori informazioni.
 
Inoltre, la composizione corporea si può valutare tramite la bioimpedenziometria. DS Medica mette a vostra disposizione Human im touch, l’ultima generazione degli impedenzimetri in multifrequenza.
Qui ulteriori informazioni.
 


Autori: JafariNasabian P1Inglis JE1Kelly OJ2Ilich JZ
Fonte: Int J Womens Health. 2017 Jan 13;9:33-42. doi: 10.2147/IJWH.S106107. eCollection 2017.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5245917/